Italia Markets close in 6 hrs 6 mins

Titoli azionari europei: nessuna statistica e una sessione abbreviata per testare il mercato

Bob Mason

Calendario economico:

Giovedì 2 gennaio 2020

PMI Manifatturiera Spagnola (Dic)

PMI Manifatturiero Italiano (Dic)

PMI Manifatturiero Francese (Dic) Finale

PMI Manifatturiero Tedesco (Dic) Finale

PMI Manifatturiero dell’Eurozona (Dic) Finale

Venerdì 3 gennaio 2020

Variazione e tasso di disoccupazione tedeschi (Dic)

CPI tedesco (MoM) (Dic)

Titoli principali

Lunedì è stato un inizio ribassista per le major europee, con CAC40 ed EuroStoxx600 in calo rispettivamente dello 0,91% e dello 0,85%. Il DAX30 ha visto una perdita più modesta dello 0,66% nel corso della giornata.

Con le major europee e statunitensi che hanno raggiunto livelli record durante il periodo festivo, le aspettative di migliori condizioni commerciali non sono riuscite a soddisfare.

Un EUR più forte e una contrazione costante nel settore manifatturiero tedesco rimangono problemi per l’economia dell’Eurozona.

Le aspettative sono per le economie emergenti di vedere i maggiori benefici dell’accordo commerciale di fase 1, che potrebbe vedere alcuni deflussi che vanno verso il 2020.

Molto dipenderà dai dettagli dell’accordo commerciale di Fase 1 che probabilmente emergerà nel nuovo anno.

Le Statistiche

Lunedì è stata una giornata tranquilla nel calendario economico dell’Eurozona. I dati del PIL del 3° trimestre e le cifre sull’inflazione del preliminare di dicembre dalla Spagna sono state le uniche statistiche a fuoco sulla giornata.

Con i mercati tedeschi in una giornata abbreviata, il rilascio dei dati sulle vendite al dettaglio, previsto per lunedì, è stato ritardato.

La mancanza di statistiche materiali dall’Eurozona ha lasciato CAC40 ed EuroStoxx600 nelle mani del sentimento di rischio e del movimento attraverso le major statunitensi.

Dagli Stati Uniti, sono stati messi a fuoco gli scambi commerciali di novembre e le cifre delle vendite di case in sospeso e il PMI di dicembre a Chicago.

Il disavanzo commerciale delle merci si è ridotto da $ 66,53 miliardi a $ 63,19 miliardi a novembre. Gli economisti avevano previsto un deficit di $ 68,75 miliardi.

Dal settore privato, il PMI di Chicago è aumentato da 46,30 a 48,9 a dicembre, anticipando una previsione di 48,0.

Le vendite di case in sospeso sono aumentate dell’1,2%, in linea con le previsioni. A ottobre, le vendite di case in corso sono diminuite dell’1,3%.

Le statistiche hanno avuto un impatto silenzioso sulle major, tuttavia, con i nervosismi di Capodanno che si insinuavano.

I Market Movers

Per il DAX: è stata un inizio settimana misto per il settore automobilistico. BMW e Daimler sono scesi dello 0,25% e dello 0,65% e in discesa. Continental (+0,02%) e Volkswagen (-0,03%) hanno chiuso la giornata relativamente piatta.

Anche per le banche è stata una giornata rialzista. Commerzbank è cresciuta dell’1,36%, mentre Deutsche Bank è cresciuta dello 0,51%.

Dal CAC, è stata una giornata ribassista per le banche. BNP Paribas e Soc Gen sono diminuite rispettivamente dello 0,45% e dello 0,34%, mentre Credit Agricole è diminuito dello 0,65%.

È stata una giornata ribassista anche per il settore automobilistico francese, con Peugeot e Renault in calo rispettivamente dello 1,15% e dello 0,93%.

Sull’indice VIX

Lunedì il VIX è salito del 10,35%. Dopo un guadagno del 6,17% di venerdì, il VIX ha chiuso la giornata a $ 14,8.

Un giorno ribassista tra le major europee e statunitensi ha supportato il VIX, con l’S & P500 in calo dello 0,58% nel giorno.

La presa di profitto prima del nuovo anno e i dettagli anticipati dell’accordo commerciale di fase 1 hanno contribuito al rialzo del VIX.

Con i negoziati di fase 2 che dovrebbero iniziare nel nuovo anno, non è chiaro fino a che punto l’accordo di fase 1 vada a sostegno dell’economia globale.

La giornata di oggi

Sarà un giorno particolarmente tranquillo per il calendario economico dell’Eurozona. Non ci sono statistiche materiali dovute dall’Eurozona per fornire indicazioni alle major.

Con il mercato tedesco chiuso e CAC40 ed EuroStoxx600 in sessioni abbreviate, i volumi saranno più leggeri.

Dall’inizio della giornata, i numeri di PMI del settore privato di dicembre fuori dalla Cina non sono riusciti a impressionare. Mentre il PMI del settore manifatturiero ha superato le previsioni mantenendosi stabile a 50,2, il PMI dei servizi è sceso da 54,4 a 53,5.

Il contributo del settore dei servizi all’economia cinese è molto più significativo negli ultimi anni, il che rende i mercati più sensibili al settore non manifatturiero.

Nei mercati a termine, al momento della stesura di questo articolo, il Dow era aumentato di 37 punti. Tuttavia, è stato meno degno di nota tra le major asiatiche. Il CSI300 ha invertito la tendenza all’inizio, aumentando dello 0,33%. L’ASX200 ha fatto scendere, scivolando dell’1,67%.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: