Italia markets open in 1 hour 27 minutes
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.893,11
    +8,98 (+0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1920
    -0,0023 (-0,19%)
     
  • BTC-EUR

    28.550,66
    +985,62 (+3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    812,39
    +18,07 (+2,27%)
     
  • HANG SENG

    28.712,27
    +402,51 (+1,42%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     

Tlc, Aiip su frequenze: delude mancata modifica piano ripartizione

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - L'Associazione italiana Internet Provider (Aiip) esprime il proprio disappunto per la mancata modifica del Piano Nazionale di Ripartizione delle Frequenze, all'esito della "Consultazione pubblica sull'uso futuro della banda di frequenze a 60 GHz". Secondo Aiip, "limitandosi a pubblicare una sintesi dei contributi pervenuti, rinviando sine die l'adozione delle misure necessarie a dare piena attuazione alla disciplina comunitaria in ordine all'uso di tali frequenze, il cui termine di attuazione è scaduto da oltre un anno e mezzo, il Mise ha perso una occasione per imprimere una forte accelerazione alla competitività delle pmi italiane e allo sviluppo delle aree più disagiate del Paese".

L'Associazione, composta da oltre 50 operatori attivi nella fornitura al pubblico di servizi di comunicazioni elettroniche a banda ultra larga, infatti, ricorda che "l'art. 3, comma 1 della Decisione 2006/771/CE (relativa all'armonizzazione dello spettro radio per l'utilizzo da parte di apparecchiature a corto raggio"), come aggiornata dalla Decisione Ue 2019/1345 della Commissione del 2 agosto 2019, impone agli Stati membri di 'mettere a disposizione, su base non esclusiva' e, quindi ad uso condiviso, l'intera banda di frequenze compresa tra i 57-71GHz per il loro utilizzo con 'dispositivi di trasmissione larga banda' a far data dal primo gennaio 2020".

"Aiip - sottolinea il presidente dell'associazione, Giovanni Zorzoni - ritiene che ogni ulteriore indugio da parte dell'Amministrazione italiana ad attuare tale decisione vincolante per gli Stati membri, anche considerato l'interesse manifestato dal mercato all'uso di tali frequenze e l'ampia disponibilità di idonei apparati radio, costituisca l'ennesima occasione persa per accelerare il processo di diffusione degli accessi a banda ultra larga sull'intero territorio italiano, del quale beneficerebbero particolarmente le aree più disagiate ed arretrate del Paese".

Aiip auspica, quindi, che l'Amministrazione non si limiti a dare conto dell'esito di tale consultazione pubblica, ma "voglia prontamente dare attuazione alla normativa vigente e disporre immediatamente ogni necessaria modifica al Piano Nazionale di Ripartizione delle Frequenze per consentire il libero uso di tali frequenze per la fornitura al pubblico di servizi di comunicazioni a banda larga ed ultra larga".

Aiip - conclude Zorzoni - "stima che tale misura, a costo zero per lo Stato, comporterebbe immediati benefici per l'intero mercato e gli utenti finali quantificabili in diversi miliardi di euro. In particolare, l'intervento auspicato rafforzerebbe la competitività delle pmi che costituiscono il tessuto industriale di questo Paese, troppo spesso trascurate nonostante il loro ruolo trainante".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli