Italia markets close in 3 hours 47 minutes
  • FTSE MIB

    26.927,95
    +121,76 (+0,45%)
     
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    81,08
    -1,58 (-1,91%)
     
  • BTC-EUR

    52.559,16
    +1.605,64 (+3,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.466,37
    -7,96 (-0,54%)
     
  • Oro

    1.802,40
    +3,60 (+0,20%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    0,0000 (-0,00%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.235,36
    +14,48 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8438
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CHF

    1,0658
    +0,0010 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4335
    -0,0005 (-0,04%)
     

Tlc, Asstel: in Codice comunicazioni assicurare equilibrio mercato

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 ott. (askanews) - Regole omogenee a livello comunitario, avendo cura di non porre l'Italia in una condizione diversa rispetto agli altri Paesi europei. È quanto chiede Asstel Assotelecomunicazioni in merito al recepimento del nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche in attuazione dei una direttiva europea.

"Riteniamo che il recepimento del nuovo Codice delle comunicazioni elettroniche in attuazione della direttiva Ue 2018/1972 del Parlamento europeo e del Consiglio, costituisca un passaggio normativo fondamentale per il settore Tlc e, conseguentemente, per la realizzazione dei progetti di trasformazione digitale contemplati dal Pnrr stesso entro il 2026 e nella cui direzione si inserisce positivamente il Piano Italia a 1 Giga compreso nel progetto Reti ultraveloci. E' pertanto indispensabile definire regole omogenee a livello comunitario, avendo cura di non porre l'Italia in una condizione diversa rispetto agli altri Paesi Europei", ha dichiarato Massimo Sarmi, presidente di Asstel Assotelecomunicazioni, nel corso di un'audizione presso la IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera.

"In particolare, il recepimento deve migliorare l'equilibrio complessivo del mercato italiano per renderlo più attrattivo sia verso gli investitori, sia verso gli headquarter delle multinazionali", ha aggiunto Sarmi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli