Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.579,08
    -331,29 (-1,11%)
     
  • Nasdaq

    12.153,14
    -52,71 (-0,43%)
     
  • Nikkei 225

    26.433,62
    -211,09 (-0,79%)
     
  • EUR/USD

    1,1959
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    16.189,55
    +859,63 (+5,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    380,35
    +15,76 (+4,32%)
     
  • HANG SENG

    26.341,49
    -553,19 (-2,06%)
     
  • S&P 500

    3.613,49
    -24,86 (-0,68%)
     

Tlc, Cfwa: tagliare costi frequenze per ridurre digital divide

Rbr

Roma, 19 nov. (askanews) - Dare agli operatori wireless la possibilità di espandersi, a livello regionale e nazionale, abbassando il costo delle frequenze per portare i collegamenti Internet nelle aree remote. Questa una delle proposte avanzate dalla Coalizione del fixed wireless access (Cfwa), che rappresenta gli operatori del settore nel corso del convegno annuale che si è tenuto oggi. L'Fwa, soluzione basata sull'integrazione tra fibra ottica e ponti radio per offrire servizi di banda ultralarga (oltre 30Mbps), ha un ruolo importante nel superamento del digital divide. A fine giugno 2019 gli accessi Fw sono cresciuti dell'11% su base annua sfiorando 1,3 milioni di linee. Per rispondere alle domande di Internet dei territori, Cfwa sta lavorando a un accordo con Terna che prevede l'installazione di apparati di operatori wireless sui tralicci in alta tensione della società. L'intesa è centrale nel progetto di connettere alla rete Internet anche le aree più periferiche ed economicamente svantaggiate. "Questo paese può salvarsi solo con la digitalizzazione e per ricollegare coloro che sono rimasti indietro proponiamo una ricetta molto semplice: dare agli operatori wireless la possibilità di espandersi, a livello regionale e nazionale, abbassando il costo delle frequenze per portare i collegamenti Internet nelle aree remote", ha spiegato Enrico Boccardo, presidente di Cfwa. "Come dimostrano i ritardi nei piani per la banda ultralarga di Infratel certe aree non verranno raggiunte nemmeno con gli aiuti di Stato e si stanno accumulando ritardi preoccupanti". "Il nostro modello di business - ha osservato Boccardo - è più veloce e più sostenibile perché non dobbiamo fare scavi. Anche l'accordo a cui stiamo lavorando con Terna va in questa direzione: i tralicci di Terna diventeranno un asset dove poggiare le nostre antenne e raggiungere velocemente i clienti". Gli operatori wireless possiedono un'infrastruttura piuttosto snella che si appoggia, di solito, a poche decine di ponti radio. Da qui la proposta di Cfwa: "Rendere accessibili i primi 80 collegamenti a costi sostenibili per un piccolo operatore. È una misura che costerebbe pochissimo nella fase iniziale ma che nel medio-lungo periodo porterebbe risorse nelle casse dello Stato contribuendo a far crescere l'economia locale", sottolinea Boccardo.