Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.858,38
    +80,62 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    13.444,31
    -307,93 (-2,24%)
     
  • Nikkei 225

    29.518,34
    +160,52 (+0,55%)
     
  • EUR/USD

    1,2151
    -0,0018 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    46.637,71
    -953,25 (-2,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.510,52
    -50,77 (-3,25%)
     
  • HANG SENG

    28.595,66
    -14,99 (-0,05%)
     
  • S&P 500

    4.202,48
    -30,12 (-0,71%)
     

Tlc, Colao: "Connettività è un diritto, copertura Ftth insoddisfacente"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"La prima area di intervento per realizzare il processo di transizione digitale è quella delle infrastrutture digitali per la connettività. La connettività, per noi, è un diritto. Qui vogliamo agire con decisione e rapidità perché i ritardi accumulati stanno diventando intollerabili. Non ripeterò anche oggi che la copertura Ftth – Fiber to the Home – è insoddisfacente per un grande paese come l’Italia al 35% di famiglie raggiunte". Ad affermarlo è il ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, Vittorio Colao nel corso della sua audizione in Commissione Trasporti sulle linee programmatiche del suo dicastero.

"Leggiamo, scriviamo e parliamo ogni attimo di internet come moltiplicatore di possibilità. Ma - sottolinea Colao - non possiamo garantire queste molteplici possibilità con l’attuale livello infrastrutturale. Se non interveniamo rischiamo di negare diritti e alimentare vecchie diseguaglianze e crearne di nuove".

Lasciare aree del paese scoperte, aggiunge, "vuole infatti dire limitare i loro residenti nelle opportunità di formazione, creazione, lavoro e civismo che la dimensione digitale oggi offre. Stefano Rodotà e Gaetano Azzariti trenta anni fa invocarono l’inclusione esplicita del diritto di accesso a internet tra i diritti costituzionali. Siamo nel 2021".