Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 43 minutes
  • FTSE MIB

    33.756,19
    +362,34 (+1,09%)
     
  • Dow Jones

    37.798,97
    +63,86 (+0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.865,25
    -19,77 (-0,12%)
     
  • Nikkei 225

    37.961,80
    -509,40 (-1,32%)
     
  • Petrolio

    84,87
    -0,49 (-0,57%)
     
  • Bitcoin EUR

    59.263,57
    +552,37 (+0,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.405,10
    -2,70 (-0,11%)
     
  • EUR/USD

    1,0641
    +0,0019 (+0,18%)
     
  • S&P 500

    5.051,41
    -10,41 (-0,21%)
     
  • HANG SENG

    16.251,84
    +2,87 (+0,02%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.950,23
    +33,24 (+0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9689
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,4687
    +0,0009 (+0,06%)
     

Tlc, Ue pronta ad approvare joint venture pubblicitaria - fonti

Le persone passano davanti a un negozio Vodafone a Ronda

BRUXELLES (Reuters) - Il piano di Deutsche Telekom, Orange, Telefonica e Vodafone di sfidare le Big Tech con una propria joint venture pubblicitaria è destinato a ottenere l'approvazione incondizionata dell'antitrust Ue.

Lo hanno detto da fonti a conoscenza della situazione.

La joint venture segna il primo tentativo delle imprese delle telecomunicazioni di sfidare Meta e Google, controllata di Alphabet, nel redditizio settore della pubblicità online e di diversificare i propri flussi di entrate.

Google è la principale piattaforma per la vendita di pubblicità online al mondo, ben prima di Meta, un settore che genera circa l'80% delle entrate dell'azienda.

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

La Commissione europea, che dovrebbe decidere sull'operazione entro il 10 febbraio dopo l'esame preliminare, e Vodafone non hanno commentato.

Telefonica ha fatto riferimento alla dichiarazione congiunta con l'autorità di vigilanza antitrust dell'Ue, mentre Deutsche Telekom e Orange non hanno risposto alle richieste di commento.

L'autorità garante della concorrenza Ue descrive la joint venture come una soluzione di identificazione digitale basata sulla privacy, volta a supportare le attività di marketing e pubblicità digitale di brand e inserzionisti.

All'inizio della settimana Beuc, il gruppo paneuropeo dei consumatori, ha espresso preoccupazioni in merito alle modalità di raccolta dei dati da parte della joint venture e sul modo in cui i partner intendono ottenere il consenso degli utenti.

Il Beuc ha esortato Margrethe Vestager, responsabile dell'antitrust Ue, a garantire che la joint venture sia conforme alle norme sulla privacy europee e che le società non ostacolino i rivali che potrebbero offrire un prodotto che tuteli maggiormente la privacy.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Stefano Bernabei)