Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.120,59
    +483,40 (+1,48%)
     
  • Nasdaq

    12.088,09
    +347,44 (+2,96%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,01
    +0,92 (+0,81%)
     
  • BTC-EUR

    26.596,71
    -1.046,38 (-3,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    618,47
    -11,03 (-1,75%)
     
  • Oro

    1.851,10
    +3,50 (+0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,0734
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    4.145,00
    +87,16 (+2,15%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8496
    -0,0014 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0273
    -0,0014 (-0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,3645
    -0,0056 (-0,41%)
     

Tni Italia: in Dl Aiuti nulla per le imprese, serve global tax

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 mag. (askanews) - "Il Dl Aiuti? Ancora il nulla per le imprese della ristorazione e della ricettività. Servono interventi concreti per il rilancio e ancora non si vede niente all'orizzonte. Quello che noi proponiamo è una 'global' tax al 15% per tutti, non solo per le multinazionali. Anche le piccole e medie imprese, come quelle del settore della ristorazione e della ricettività, devono poter pagare solo il 15% di tasse". E' la proposta che ha lanciato oggi a Roma Tni Italia nel corso della conferenza stampa che si è svolta nella sala stampa della Camera dei Deputati.

"Mentre in Europa si continua a discutere e a non trovare un accordo per imporre alle multinazionali con ricavi superiori a 750 milioni di euro l'anno il pagamento della tassa globale minima del 15%, le imprese italiane vengono spremute dallo Stato con una pressione fiscale che è arrivata ormai, dato Istat relativo all'ultimo trimestre 2021, al 51,8%. Tutto ciò - ha detto il presidente di TNI Italia, Raffaele Madeo - senza tenere in minimo conto di questi tre lunghi anni di restrizioni per le attività del settore Horeca".

"I pochi ristori arrivati - ha proseguito - hanno rappresentato al massimo il 5% delle perdite subìte e martedì prossimo, 10 maggio, saremo di nuovo a Roma per un presidio sotto il tribunale, dove si svolgerà la prima udienza pubblica per la causa con la quale abbiamo portato il governo al rinvio a giudizio proprio per ottenere gli indennizzi che ci spettano".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli