Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.632,60
    +141,91 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    15.392,87
    +157,03 (+1,03%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,1681
    +0,0075 (+0,64%)
     
  • BTC-EUR

    52.390,27
    +1.527,52 (+3,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.479,73
    +60,35 (+4,25%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • S&P 500

    4.582,05
    +30,37 (+0,67%)
     

Tni Italia: terzo sciopero contro multinazionali food delivery

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 set. (askanews) - Dopo quello del 6 gennaio e del 19 luglio, Tni Italia, sindacato nazionale che rappresenta il mondo della ristorazione e ricettività, lancia per martedì 28 settembre il terzo sciopero contro le grandi piattaforme per la consegna del cibo a domicilio. Lo fa in occasione della prima convention nazionale, in corso oggi alla tenuta Ruffino di Poggio Casciano, a Bagno a Ripoli.

"Queste grandi società - afferma Raffaele Madeo, portavoce di Tni Italia - non devono rispettare le regole di noi piccole imprese. Giocano su un binario parallelo, usando il nostro lavoro e l'immagine dei nostri ristoranti per fare profitto, imponendo delle pesanti commissioni. Una concorrenza sleale che danneggia le nostre attività, già provate dalla crisi dovuta alla pandemia. Facciamo perciò appello a tutti i cittadini: sostenete il commercio di vicinato, anche aderendo al nostro sciopero".

Come? Mangiando nei ristoranti e non a casa, oppure facendo i propri ordini telefonicamente o direttamente nei punti vendita, anche eventulamente servendosi dell'asporto. "Fatelo domani 28 settembre e in generale sempre. Non si tratta di una battaglia contro i fattorini. Anzi - sottolinea il portavoce di Tni Italia - questa è una lotta che porteremo avanti anche per loro e per far valere i loro diritti visto che in molti casi lavorano in condizioni di sfruttamento".

"E' vero, alcune multinazionali investono, ma altre prendono il meglio del nostro Paese, sfruttando le competenze e le eccellenze italiane, lasciando solo briciole sul territorio nazionale. E' quello che fanno per esempio Deliveroo, Glovo, Just Eat, Uber Eats e tante altre. Purtroppo oggi per lavorare non se ne può fare a meno. E queste multinazionali lo sanno, con costi di attivazione di 500 euro, applicando sugli ordini fatti commissioni del 35-40%. Stessa cosa fa The Fork, che per ogni prenotazione al tavolo prende 2 euro a persona - prosegue Madeo - serve urgente un intervento a livello di Unione europea perché il governo italiano, da solo, può fare poco".

Infine, un capitolo a parte è quello di Tripadvisor, al quale Tni Italia ha scritto dopo numerosi casi di recensioni fasulle. Nelle prossime settimane è previsto un incontro con i rappresentanti nazionali della società. "Il problema è annoso e purtroppo non è mai stato risolto. Su Tripadvisor - fa presente la segretaria nazionale di Tni Italia, Cristina Tagliamento - continuano ad essere lasciate recensioni fasulle. Esistono anche agenzie indiane che vendono recensioni e consentono alle imprese del mondo Horeca che le acquistano di scalare la classifica e lavorare di più. E' un danno non solo per le nostre attività, ma anche per Tripadvisor stesso, per la sua immagine, credibilità e utilizzo". "La nostra proposta - sottolinea - è che possa lasciare la recensione solo chi dimostra di avere lo scontrino della cena. Booking, ad esempio, già lo fa, consentendo di lasciare commenti solo a chi ha effettivamente soggiornato nella struttura".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli