Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    41.965,81
    -8.728,24 (-17,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Tni: stop aumenti prezzi o mangiare fuori costerà il doppio

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 ott. (askanews) - Stop agli aumenti o a Natale mangiare fuori costerà il doppio. E' allarme lanciato da Tni Italia, il sindacato delle imprese del mondo Horeca, che registra rincari dal 30 al 50%: gli aumenti di luce, gas e carburanti hanno avuto effetto su tutte le materie prime, farina compresa. Rialzi anche per le bevande, gli imballaggi e i cartoni, le attrezzature utilizzate dalle imprese del mondo Horeca.

"Alcuni macchinari, come le impastatrici - spiega il portavoce di Tni Italia, Raffaele Madeo - non solo costano di più, ma sono diventati introvabili. La situazione è grave. Dopo le chiusure del lockdown, le attività di ristorazione hanno riaperto lavorando comunque ancora con il distanziamento. La ripresa è perciò ancora lontana e con questi rincari si rischia di vanificare tutti i sacrifici fatti dalla categoria per tenere aperti i locali".

"Non possiamo ancora per molto assorbire gli aumenti vertiginosi e generalizzati, che entro fine anno ricadranno sui consumatori, che per pranzare o cenare al ristorante si ritroveranno a spendere il 40% in più", fa presente Madeo. "Rischiamo che questo governo ci faccia trovare come regalo, un Natale dove tutto costerà il doppio. Serve un intervento urgente per calmierare i prezzi, in particolare quelli dell'energia e del carburante. L'intervento dell'esecutivo sui rialzi di luce e gas scattati da ottobre, evidentemente, è stato del tutto insufficiente".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli