FTSE MIB
21.805,49
+129,74
0,60%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.144,54
+26,82
0,12%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.686,43
+11,69
0,18%
^FTSE
Dax
9.501,58
-42,61
0,45%
^GDAXI
Dow Jones
16.540,09
+38,44
0,23%
^DJI
S&P 500
1.882,45
+7,06
0,38%
^GSPC
Nikkei 225
14.404,99
-141,28
0,97%
^N225
Euro-Dollaro
1,3827
0,0009
0,06%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8230
0,0005
0,06%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2195
0,0014
0,12%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5952
0,0007
0,12%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,4650
0,2179
0,15%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6402
0,0208
0,24%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,4097
0,055
0,11%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,93
0,49
0,48%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,75
0,02
0,34%
NGK14.NYM
Oro
1.289,40
+4,80
0,37%
GCM14.CMX
Argento
19,64
0,20
+1,04%
SIK14.CMX
Rame
3,12
0,06
+2,04%
HGK14.CMX
Grano
700,00
+17,25
+2,53%
WN14.CBT
Mais
512,75
+3,25
0,64%
CN14.CBT
 

Tobin Tax, la Germania non la vuole prima del 2016

Nessuna Tobin tax fino al 2016. Il ministero tedesco delle Finanze non si aspetta l’introduzione della nuova tassa sulle transazioni finanziarie in Europa prima di quattro anni. Lo ha rivelato il direttore generale del Fisco tedesco, Michael Sell, al settimanale Wirtschaftswoche. “Non inserirei niente in bilancio prima del 2016”, dice Sell. Un’ipotesi che rinvierebbe di quasi due anni l’introduzione della tassa la cui introduzione, al momento, è prevista per il 2014, dopo l’accordo raggiunto il mese scorso tra undici Paesi dell’Unione, Italia compresa.

Insomma, la Germania sembra influenzare ancora una volta le decisioni di tutta l’Unione. Dopo l’opposizione all’approvazione del bilancio europeo, insieme alla Gran Bretagna, e al rifiuto di aiuti per la Grecia, il governo di Berlino potrebbe decidere anche sulla data di introduzione della Tobin tax. Il capo del Fisco tedesco, Sell, basa la sua stima sul fatto che i negoziati europei dureranno almeno un anno e mezzo e altrettanti ne serviranno per l’implementazione elettronica del nuovo sistema di riscossione. E a proposito della Gran Bretagna, Londra osteggia fortemente l’introduzione della Tobin tax, ma secondo Sell il governo di Cameron potrebbe decidere una tassazione delle transazioni azionarie e obbligazionarie, ma non sui derivati.

Ipotesi e proiezioni, nulla di certo. Fatto sta che Eurolandia appare sempre di più in balia degli umori tedeschi e britannici. La Tobin tax, comunque, è stata fortemente voluta da Berlino, oltre che dalla Francia, e accettata anche dall’Italia, nonostante le perplessità della Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa) che la ritiene dannosa per il mercato italiano già fortemente depresso. E non va proprio a genio anche alla Gran Bretagna, come detto, perché con l’introduzione della tassa si metterebbe a rischio la leadership del mercato della City e proprio per questo Londra non ha nessuna intenzione di applicarla.

In un’intervista allo stesso Wirtschaftswoche, il viceministro delle Finanze, Hartmut Koshyk, ha parlato anche di unione bancaria, dichiarando che “il governo tedesco punta a effettuare stress test su tutte le banche europee per verificare lo stato di salute prima di dare il via libera all’unione”, perché “la Germania non vuole assumersi alcun rischio sui debiti delle banche Ue”. Il governo della Merkel, comunque, è sempre più allineato alla Gran Bretagna in tema di scelte europee. E anche nel caso della Tobin tax, un eventuale rinvio di due anni, farebbe ancora il gioco della Gran Bretagna.

Proprio nei giorni scorsi, intanto, la proposta degli operatori di mercato sulla Tobin tax è arrivata a Palazzo Chigi. Nella settimana decisiva per definire i contenuti della tassa sulle transazioni finanziarie, i tecnici e i consulenti finanziari riuniti nell’Ifma (Italian financial market advisor), associazione costituita di recente, secondo quanto riportato da Radiocor, hanno avuto un incontro di oltre un’ora e mezza con i tecnici del ministero del Tesoro. La proposta prevede: una tassazione fissa di un euro per eseguito su mercati azionari regolamentati e non, una tassazione di un euro sui derivati sui mercati regolamentati e una ulteriore tassa dello 0,05% sui mercati non regolamentati, sia per la compravendita di azioni sia per quella sui derivati.

Il governo si “è riservato di presentare una propria proposta nel corso dell’esame presso il Senato”. Allo studio c’è una rivisitazione della Tobin tax, sia rispetto al testo stilato dal governo italiano sia al modello francese. L’ipotesi sarebbe quella di realizzare una tassa che colpisca tutti gli intermediari italiani e stranieri, che si applichi a ogni operazione e non solo al saldo di fine giornata, che colpisca anche i derivati e i mercati non regolamentati.

Discussioni su tecnicismi che rischiano di risultare quantomeno “premature”, nel caso la norma dovesse entrare in vigore nel 2016. Ancora una volta, insomma, dipenderà dalla Germania.


Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!


Le ultime notizie

  • Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare
    Fiscal Cliff, corsa contro il tempo Yahoo! Finanza - ven 28 dic 2012 18:35 CET

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa … Continua »Fiscal Cliff, corsa contro il tempo

    Il fiscal cliff frena le Borse. Titoli da preferire e da evitare

    Una corsa contro il tempo. Questione di giorni. Anzi, di ore. L’America ha tempo fino al 31 dicembre per evitare il baratro fiscale. Lo spettro del “fiscal cliff” diventa sempre più minaccioso anche perché, ad oggi, il presidente Barack Obama e il Congresso (a maggioranza repubblicana) non hanno trovato nessun accordo.

  • Barack Obama torna alla Casa Bianca
    Stati Uniti, minaccia fiscal cliff Yahoo! Finanza - ven 21 dic 2012 14:42 CET

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti … Continua »Stati Uniti, minaccia fiscal cliff

    Barack Obama torna alla Casa Bianca

    Nessun accordo sul fiscal cliff. Non c’è stato alcun voto per il “piano B” dello speaker della Camera repubblicana, John Boehner. Tutto saltato perché mancavano i voti necessari. Il “piano B” di Boehner prevedeva un aumento delle tasse solo per chi guadagna oltre un milione di dollari.

  • Europa, ora il debito tedesco fa paura Yahoo! Finanza - mer 19 dic 2012 16:26 CET

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della … Continua »Europa, ora il debito tedesco fa paura

    Anche la Germania deve fare i conti con il suo debito pubblico. Secondo Bruxelles non ci sono rischi nel breve termine, ma bisogna ridurre il debito. Tutta colpa della spesa previdenziale e sanitaria di uno Stato sempre più vecchio. Il Rischio è che il debito non scenderà sotto il 60% del Pil prima del 2030. Uno smacco …

  • La mossa di Mario Draghi
    Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT Yahoo! Finanza - ven 14 dic 2012 14:52 CET

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore … Continua »Mario Draghi, uomo dell'anno per il FT

    La mossa di Mario Draghi

    “L’italiano determinato a salvare l’euro”. Il Financial Times ha incoronato Mario Draghi l’uomo dell’anno 2012. Ecco cosa ha fatto negli ultimi 12 mesi il governatore della Banca Centrale Europea.

  • Che Mario Monti non sia Lohengrin?
    Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare … Yahoo! Finanza - mer 12 dic 2012 17:04 CET

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che … Continua »Crisi di governo: ecco cosa Monti non riuscirà a fare …

    Che Mario Monti non sia Lohengrin?

    Non c’è tempo per portare a termine tutto quello che era già stato cominciato. Il governo Monti, arrivato al capo linea, non riuscirà a completare alcune riforme che aveva già avviato, come quella del riordino delle Provincie o la delega fiscale.