Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.586,88
    -58,96 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    32.803,47
    +76,65 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    12.657,55
    -63,03 (-0,50%)
     
  • Nikkei 225

    28.175,87
    +243,67 (+0,87%)
     
  • Petrolio

    88,53
    -0,01 (-0,01%)
     
  • BTC-EUR

    22.645,77
    -300,45 (-1,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    533,20
    -2,02 (-0,38%)
     
  • Oro

    1.772,60
    -15,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,0187
    -0,0063 (-0,61%)
     
  • S&P 500

    4.145,19
    -6,75 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    20.201,94
    +27,90 (+0,14%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.725,39
    -29,21 (-0,78%)
     
  • EUR/GBP

    0,8431
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CHF

    0,9789
    +0,0006 (+0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3164
    -0,0018 (-0,13%)
     

Tod’s: Della Valle lancia Opa, verso addio Piazza Affari dopo 22 anni

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 ago. (askanews) - Dopo 22 anni Tod's si appresta a lasciare Piazza Affari. La famiglia Della Valle ha deciso infatti di lanciare un'Opa volontaria sulle azioni del gruppo finalizzata al delisting. Il prezzo offerto ammonta a 40 euro per azione, pari a un premio del 20,4% sul prezzo di chiusura di ieri, e l'esborso massimo in caso di adesione totalitaria sarà pari a oltre 338 milioni.

"Un grande investimento per accelerarne lo sviluppo", spiega la famiglia Della Valle, con l'obiettivo di valorizzare i singoli marchi del gruppo (Tod's, Roger Vivier, Hogan e Fay), dando loro una forte visibilità individuale e una grande autonomia operativa, e rafforzandone il posizionamento nella parte alta del mercato del lusso. Il perseguimento di questi obiettivi di medio e lungo periodo, viene sottolineato, "sarebbe meno agevole mantenendo lo status di società quotata, stanti le limitazioni derivanti dalla necessità di riportare risultati soggetti a verifiche di breve periodo".

Attraverso l'Opa si intende riconoscere agli azionisti l'opportunità di liquidare il proprio investimento in Tod's a condiziono più favorevoli rispetto a quelle che attualmente offre il mercato, spiega ancora la famiglia Della Valle. Il titolo ha chiuso oggi con un balzo del 20,3% a 40,2 euro, allineandosi al prezzo dell'offerta, ma negli ultimi 12 mesi ha perso circa il 27%. Il prezzo di collocamento delle azioni fissato in sede di quotazione, avvenuta il 6 novembre 2000, era proprio pari a 40 euro, uguale al corrispettivo offerto.

L'offerta, finalizzata ad acquisire il 25,55% delle azioni della società, è promossa di concerto con Delphine (Lvmh), la società di Bernard Arnault, che resterà socio con la sua quota attuale del 10% e con cui le holding di Valle (DI.VI. e DeVa) hanno sottoscritto un accordo parasociale.

Nel dettaglio, i francesi si impegnano a non portare in adesione all'offerta le azioni detenute, e nel caso in cui l'imprenditore marchigiano decidesse di vendere, trasferire o altrimenti disporre in favore di terzi di più del 50% del capitale con diritto di voto di Tod's, Delphine avrà il diritto di vendere tutte le sue azioni agli stessi termini e condizioni pattuiti da DI.VI. con il terzo acquirente. Ma soprattutto è previsto il diritto di prima offerta: qualora la famiglia Della Valle intenda avviare negoziati con terzi per la cessione di azioni, Delphine o DI.VI. avranno il diritto di prima offerta con riferimento alle azioni di titolarità, rispettivamente, di DI.VI. e Delphine poste in vendita. "Se un giorno decidessi di vendere Tod's, fiducia al 100% in Bernard Arnault", disse poco più di un anno fa il presidente Diego Della Valle.

Infine, a seguito del delisting, i francesi avranno il diritto di nominare un componente del cda di Tod's, dove dalla primavera 2021 siede l'influencer Chiara Ferragni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli