Italia markets close in 14 minutes
  • FTSE MIB

    25.980,19
    +218,09 (+0,85%)
     
  • Dow Jones

    34.586,64
    -227,75 (-0,65%)
     
  • Nasdaq

    15.062,70
    -98,83 (-0,65%)
     
  • Nikkei 225

    30.323,34
    -188,37 (-0,62%)
     
  • Petrolio

    71,98
    -0,63 (-0,87%)
     
  • BTC-EUR

    40.542,90
    -651,84 (-1,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.225,69
    -7,60 (-0,62%)
     
  • Oro

    1.757,00
    -37,80 (-2,11%)
     
  • EUR/USD

    1,1766
    -0,0060 (-0,51%)
     
  • S&P 500

    4.450,28
    -30,42 (-0,68%)
     
  • HANG SENG

    24.667,85
    -365,36 (-1,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.172,72
    +26,78 (+0,65%)
     
  • EUR/GBP

    0,8543
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,0881
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4927
    +0,0011 (+0,07%)
     

Tokyo 2020, Daley termina il cardigan: lavori all'asta per la ricerca contro il tumore che uccise il papà

·1 minuto per la lettura
- (Photo: instagram - getty)
- (Photo: instagram - getty)

Il cardigan olimpico è terminato. Tom Daley, medaglia d’oro britannica nei tuffi sincronizzati in coppia con Matty Lee, è anche campione di lavori a maglia: durante Tokyo 2020 le immagini che lo ritraevano mentre si rilassava con l’uncinetto in tribuna hanno fatto il giro del mondo. “Imparare a farlo mi ha aiutato così tanto”, ha dichiarato lo sportivo 27 enne. Ora il cardigan decorato con la scritta “Team Gb” e i cerchi olimpici che Daley stava realizzando in questi giorni è finalmente pronto e viene mostrato sui social.

Alla passione per il lavoro a maglia l’atleta britannico ha infatti perfino dedicato una pagina Instagram intitolata “Made with love by Tom Daley” che, all’indomani del risultato olimpico, ha superato i 400 mila followers.

I lavori realizzati sono uno strumento per fare beneficenza: basti pensare che un maglione realizzato dal campione ha raccolto su una piattaforma di crowdfunding quasi 6 mila sterline in 14 giorni. I fondi raccolti vengono devoluti alla lotta contro il tumore al cervello, il male che colpì e uccise il padre di Daley dieci anni fa.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli