Italia markets close in 5 hours 41 minutes

Tonfo Btp, tassi a livelli crisi agosto e spread vola a 262 pb

Voz

Roma, 12 mar. (askanews) - Seduta drammatica dei titoli di Stato dell'Italia, su ci si è scatenata una pioggia di vendite mentre le Borse crollavano per la delusione delle misure messe in campo dalla Bce contro il coronavirus. Già nel corso della mattina si era assistito ad alcune pressioni, ma tutto sommato in linea con quelle dei giorni passati e aumenti dei rendimenti sulla scadenza decennale dell'ordine dei 10 punti base. Nel pomeriggio il quadro è degenerato e in un tempo relativamente breve il tasso retributivo - che su queste emissioni si muove nella direzione specularmente opposta al prezzo - ha subito una impennata brutale, chiudendo in rialzo di 66 punti base all'1,89%.

Per trovare livelli analoghi bisogna risalire all'agosto dello scorso anno, quando la crisi di governo aveva portato a fori aumenti dei tassi. Questo, a fronte di tassi sui Bund relativamente poco mossi, ha fatto ampliare enormemente il differenziale rispetto alle emissioni della Germania, lo spread che ha chiuso con un balzo a sua volta a 262 punti base.

A scatenare il panico degli operatori potrebbero aver contribuito alcune frasi della presidente della Bce. Sulla crisi da coronavirus "ci saremo usando tutta la flessibilità, ma non siamo qui per chiudere gli spread", ha detto Christine Lagarde: "Questa non è la funzione né la mission della Bce, ci sono altri strumenti e altri attori per interventi su questi aspetti".