Italia markets close in 3 hours 55 minutes
  • FTSE MIB

    26.863,48
    +111,55 (+0,42%)
     
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.725,47
    -135,15 (-0,47%)
     
  • Petrolio

    71,79
    -0,57 (-0,79%)
     
  • BTC-EUR

    43.564,64
    -104,86 (-0,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.286,00
    -19,12 (-1,47%)
     
  • Oro

    1.778,40
    -7,10 (-0,40%)
     
  • EUR/USD

    1,1315
    -0,0030 (-0,26%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     
  • HANG SENG

    24.254,86
    +257,99 (+1,08%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.219,88
    -13,21 (-0,31%)
     
  • EUR/GBP

    0,8579
    -0,0006 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0439
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4353
    +0,0005 (+0,03%)
     

Torna nelle piazze italiane la lotta dei giovani per il clima

·1 minuto per la lettura

AGI - Continua la mobilitazione di Friday for Future. "Il 22 ottobre scendiamo di nuovo in piazza in tutto il mondo". E' l'annuncio del movimento ambientalista per il clima che ha proclamato un nuovo sciopero.

"Invitiamo ciascuno a unirsi, perchè - ha spiegato in una nota - siamo tutti necessari! Venerdì 24 settembre oltre 800.000 persone sono scese in strada in più di 1.500 località per partecipare al Global Climate Strike, dove ci siamo uniti per sradicare questo sistema". 

"Alla preCOP 26 a Milano i leader mondiali - ha sottolineato il movimento per il clima - hanno detto di ascoltarci, ma la crisi climatica e ambientale continua a non essere trattata come un'emergenza. Secondo il rapporto dell'UN Climate Change, le emissioni globali aumenteranno del 16% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2010. Questo mette il mondo rovinosamente fuori strada dal raggiungere l'obiettivo dell'accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento globale a 1,5°C".

Per questo, "vogliamo azioni immediate, e alla COP 26 i governi del mondo devono rispettare le loro promesse per difendere le condizioni di vita attuali e future e i nostri sistemi di supporto vitale. Facciamo particolare pressione perché non sia lasciato indietro nessuno, in particolare i più emarginati. Gli Stati ricchi e più responsabili storicamente delle emissioni hanno il dovere morale di agire immediatamente". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli