Italia markets open in 2 hours 3 minutes
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,15 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.840,46
    +292,46 (+1,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1783
    +0,0012 (+0,11%)
     
  • BTC-EUR

    32.632,45
    +3.233,71 (+11,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    920,45
    +126,72 (+15,96%)
     
  • HANG SENG

    26.527,06
    -794,92 (-2,91%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     

Toscana ancora prima meta per enoturisti, poi Piemonte e Sicilia

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 30 giu. (askanews) - La pandemia ha assestato un colpo durissimo al sistema enoturistico italiano, con il crollo delle visite in cantina e le ricadute sulle vendite dirette. Erano 15 milioni gli enoturisti nel 2019 e 2,65 miliardi di euro il giro d'affari complessivo stimato dall'Osservatorio di Città del Vino. Per pareggiare i conti serviranno due anni di tempo dalla fine della pandemia: questa l'opinione del campione di esperti, 100 addetti ai lavori selezionati tra enti territoriali, agenzie promozionali e consorzi del vino per l'elaborazione del XVII Rapporto sul Turismo del Vino in Italia, presentato stamattina in diretta Facebook con la partecipazione, oltre che del presidentedi Città del Vino Zambon, di Giorgio Palmucci, presidente di Enit, Paolo Morbidoni, presidente Strade del Vino dell'Olio e dei Sapori; Nicola D'Auria, presidente nazionale Movimento Turismo del Vino, Donatella Cinelli Colombini, presidente Associazione Nazionale Donne del Vino e Ernesto Abbona, presidente Unione Italiana Vini.

Tra i principali aspetti che emergono da questa indagine qualitativa c'è anche il riposizionamento dell'enoturismo verso un'esperienza sempre più all'aperto, più in vigna che in cantina, più per piccoli gruppi che con i grandi bus e sempre più attenta alla sostenibilità e all'accessibilità dei servizi. Un enoturista rispettoso dell'ambiente e alla ricerca di esperienze attive, capaci di integrarsi con la bici, il trekking, l'arte e altre occasioni di tempo libero. Più esperienziale, meno ripetitivo.

Il XVII Rapporto certifica ancora una volta i grandi punti di forza dell'offerta enoturistica del Belpaese: la ricchezza enogastronomica, la varietà di vitigni, i contesti storico-artistico-culturali. Ma anche tanti aspetti ancora da migliorare per diventare sempre più competitivi in un sistema europeo (Francia, Spagna, Croazia, Grecia e altre nazioni emergenti) che affila le armi del marketing e della promozione: e quindi c'è la necessità di migliorare l'offerta di servizi, le infrastrutture, la digitalizzazione dei territori, ma anche la capacità di saper gestire le visite in una lingua straniera e l'originalità dell'offerta enoturistica, evitando l'effetto déjà vu.

Così, mentre la Toscana si conferma prima regione enoturistica d'Italia (sia per il turista italiano che per quello straniero), è quasi unanime la richiesta che arriva dai territori per un piano straordinario di rilancio dell'enoturismo italiano (74,19%).

"Una richiesta legittima - sottolinea il presidente di Città del Vino, Floriano Zambon - quella necessità di un tavolo di progettazione e di una cabina di regia che unisca le migliori intelligenze del pubblico e del privato per ridisegnare il rilancio del turismo del vino italiano, anche attingendo alle risorse che oggi ci mette a disposizione il recovery plan, per dare slancio ed energia a un comparto che rappresenta la ricchezza di centinaia di territori e comunità rurali e che favorisce il mantenimento dell'ambiente, del paesaggio e della vitalità di aree già a rischio di spopolamento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli