Italia markets close in 2 hours 5 minutes
  • FTSE MIB

    24.560,63
    +94,68 (+0,39%)
     
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • Petrolio

    81,26
    +3,06 (+3,91%)
     
  • BTC-EUR

    16.210,05
    +295,96 (+1,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    399,64
    +10,92 (+2,81%)
     
  • Oro

    1.773,00
    +9,30 (+0,53%)
     
  • EUR/USD

    1,0384
    +0,0049 (+0,48%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     
  • HANG SENG

    18.597,23
    +392,55 (+2,16%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.964,03
    +29,59 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8643
    +0,0003 (+0,04%)
     
  • EUR/CHF

    0,9864
    +0,0016 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,4021
    -0,0003 (-0,02%)
     

##In Toscana Pd resta primo partito per mezzo punto.Fortino Firenze resiste

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 26 set. (askanews) - Che la Toscana non fosse più rossa si era capito da un pezzo, da anni, da quando il centrodestra, trainato dalla Lega nell'era d'oro di Salvini pre-Papeete, aveva conquistato storiche roccaforti democratiche come Pisa e Siena e ancora prima Lucca, ma a questo giro, complice il meccanismo della legge elettorale, il Rosatellum, la faccenda si è fatta ancora più netta. C'è stato il cappotto nei collegi, nella sfida tra candidati: 7 a 2 per la destra alla Camera e 3 a 1 al Senato. In totale fa 10 a 3 per il centrodestra. Il fatto è che, per la prima volta alle Politiche, in Toscana la coalizione di centrodestra ha superato quella di centrosinistra: 38,5% contro 33,8% al Senato, 38,5% contro 33,6% alla Camera. E il 30% dei toscani non ha votato.

Al Senato il primo partito in Toscana non è più il Pd (25,8%) ma Fratelli d'Italia (25,9%) e la Lega, cavallo di Troia delle prime penetrazioni del centrodestra in queste terre, è ridotta a poco più del 6,5%. Alla Camera il Pd è il primo partito ma per mezzo punto percentuale: 26,39% per i Dem contro il 25,95% per il partito di Giorgia Meloni.

In questo quadro restano fuori dalla Camera alcuni volti noti del Pd ed altri di Italia Viva, tutti battuti da candidati di centrodestra : il costituzionalista Stefano Ceccanti (Pd) non ce la fa a Pisa, addirittura l'ex governatore Dem Enrico Rossi viene battuto a Grosseto, il capogruppo in consiglio regionale Vincenzo Ceccarelli ad Arezzo, il deputato di Italia Viva Gabriele Toccafondi, ex sottosegretario all'Istruzione, viene sconfitto a Scandicci-Sesto Fiorentino e il senatore Tommaso Nannicini (Pd), "padre del Jobs act" come sottolinea sempre Matteo Renzi, a Prato.

Al Senato l'assessore regionale all'Agricoltura Stefania Saccardi (Iv) viene sconfitta nel collegio uninominale Firenze da Ilaria Cucchi, candidata del centrosinistra, mentre l'ex capogruppo Dem al Senato Andrea Marcucci viene battuto a Livorno da Manfredi Potenti del centrodestra.

Al Pd due collegi della città metropolitana di Firenze: a Scandicci l'ex sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, a Firenze, invece, passa l'assessore comunale al Bilancio, Federico Gianassi.

Il Terzo polo, con il "senatore di Rignano" Matteo Renzi candidato a Milano e subito dopo il voto già lontanissimo in Giappone per i funerali dell'ex premier Shinzo Abe, incassa il sorpasso dei 5 Stelle quasi dappertutto. Nello collegio di Firenze la renziana Lucia Annibali tocca il 13,76% ed è l'unica realtà a vedere il cartello Iv-Azione davanti ai Cinquestelle.