Italia markets close in 4 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    22.161,52
    +232,71 (+1,06%)
     
  • Dow Jones

    31.438,26
    -62,42 (-0,20%)
     
  • Nasdaq

    11.524,55
    -83,07 (-0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.049,47
    +178,20 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    111,57
    +2,00 (+1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.876,76
    -524,44 (-2,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    459,62
    -2,18 (-0,47%)
     
  • Oro

    1.826,30
    +1,50 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,0591
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    3.900,11
    -11,63 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    22.418,97
    +189,45 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.563,66
    +24,78 (+0,70%)
     
  • EUR/GBP

    0,8632
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0107
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,3586
    -0,0037 (-0,27%)
     

Traffico di cocaina dall’Africa all’Italia: arresti e sequestri

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 mag. (askanews) - Due arresti, due fermi di polizia giudiziaria e oltre 3 chili di cocaina sequestrati. E' il bilancio dell'operazione "Ritual" che ha permesso alla Guardia di Finanza di Varese interrompere un traffico internazionale di stupefacenti proveniente dall'Africa e diretto in Europa.

L'indagine delle Fiamme Gialle di Malpensa era scattata con l'arresto di un passeggero di nazionalità nigeriana proveniente da Addis Abeba (Etiopia), sorpreso mentre tentava di importare nel territorio nazionale oltre 1.500 gr. di cocaina, confezionata in 92 ovuli nascosti nelle cavità addominali. I successivi accertamenti investigativi, diretti dalla Procura di Busto Arsizio, hanno fatto emergere l'esistenza di un pericoloso gruppo criminale con base logistica a Torino. Il dispositivo di contrasto attuato dai finanzieri in servizio presso l'aeroporto di Malpensa ha permesso di arrestare un ulteriore corriere, una donna nigeriana residente a Torino, trovata in possesso di oltre 530 grammi di cocaina e di ricostruire altre due importazioni illecite di droga effettuate dalla stessa, poche settimane prima del suo arresto.

Gli investigatori hanno così ricostruito come l'organizzazione criminale reperiva la droga e come la importava illegalmente in Italia. Sono stati individuati i destinatari della sostanza stupefacente, una coppia di nigeriani residenti a Torino che, come emerso dalle indagini tecniche, per favorire il viaggio del corriere, si avvaleva di rituali propiziatori praticati a pagamento da appositi "santoni" nei luoghi di origine della spedizione.

La droga oltre a giungere via aerea dal continente africano, arrivava anche dall'Europa, attraverso altri canali, ritenuti dagli organizzatori più "sicuri" per i loro fini criminali, impartendo ai corrieri specifiche modalità di acquisto di titoli di viaggio per autobus volte a far acquistare i biglietti solo pochi minuti prima della partenza del mezzo. Le indagini hanno portato a due fermi di polizia eseguiti recentemente nella città di Imperia due fermi di polizia nei confronti dei due organizzatori del traffico di droga, pronti a fuggire dal territorio nazionale. E' stata così disarticolata un gruppo criminale pronto a importare nel territorio dello Stato ingenti quantitativi di stupefacenti destinati ad assicurare almeno 6.000 dosi di droga alle piazze di spaccio della zona.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli