Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.189,48
    +1,10 (+0,00%)
     
  • Nasdaq

    13.520,68
    +63,43 (+0,47%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2157
    +0,0041 (+0,34%)
     
  • BTC-EUR

    26.209,37
    -2.641,29 (-9,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    630,77
    -49,13 (-7,23%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.853,24
    +1,39 (+0,04%)
     

Trasparenza su atti, dati e piano vaccini. Le firme, da De Bortoli a Orsina: "Non ci fidiamo più"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
(Photo: Buntiam via Getty Images)
(Photo: Buntiam via Getty Images)

Questa la petizione su Change.org con la richiesta di trasparenza sul piano vaccini e sugli atti e i dati relativi al Covid-19, firmata tra gli altri da Ferruccio De Bortoli, Alessandro Barbano, Franco Debenedetti, Giovanni Orsina e Sofia Ventura:

“CI ERAVAMO FIDATI DI VOI quando ci spiegavate che le mascherine servivano a poco, quando ci raccontavate che era inutile fare i tamponi ai non sintomatici. Quando avete deciso, unici al mondo, di tenere le scuole chiuse per sei mesi. Quando avete cominciato a governare per DPCM salvo anticiparli alla stampa.
E abbiamo cantato dai balconi, ed esposto bandiere. Mentre la prima ondata produceva in Italia più morti, diretti e indiretti, che altrove.
Ci eravamo fidati perché riconoscevamo le difficoltà di una situazione inaudita e imprevedibile.

ABBIAMO COMINCIATO A DUBITARE quando abbiamo visto che dopo la prima ondata, a cavallo tra la fine della primavera e l’estate, giocavate agli Stati Generali, discutevate di come comprarvi la rete telefonica e le autostrade, assegnavate forniture senza controllo, vi occupavate dei banchi a rotelle.
Poi avete chiuso le discoteche estive il 16 agosto; abbiamo capito che correvate dietro alle cose. È arrivata la seconda ondata. Non era certo difficile prevederla.
Ciascuno di noi, ovunque in Italia, è stato colpito o ha notizie dirette di chi lo è stato. Adesso i comunicati e i proclami ufficiali sono meno credibili.
Tutti conosciamo la realtà: l’inefficienza, la disorganizzazione, i malati respinti dagli ospedali, la carenza di informazioni e assistenza.

ABBIAMO SCOPERTO Che non avete mantenuto le promesse del vaccino antinfluenzale, neanche per le persone più a rischio; che avevate vietato di svolgere le autopsie sui defunti, contro ogni logica scientifica; che le terapie intensive non erano affatto raddoppiate come invece il Presidente del Consiglio annunciava in TV; che i tamponi erano pochi e le persone cost...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.