Italia Markets close in 8 hrs 19 mins

Trasporti, da Agens ed Enea linee guida efficienza energetica Tpl

Sen

Roma, 8 nov. (askanews) - Arrivano le linee guida per l'efficienza energetica del Tpl per aiutare le aziende a promuovere ed adottare buone pratiche su temi come quello della diagnosi e per favorire sistemi di trasporto più efficienti.

Le linee guida sono il frutto di una collaborazione tra ENEA e AGENS, al fine di poter affrontare in modo coerente e strutturato l'obbligo della diagnosi energetica per il settore dei trasporti che, anche a detta degli scenari previsti dalla International Energy Agency (IEA) al 2040, risulta essere quello con maggiori margini di intervento sull'efficienza energetica. Il fine ultimo di questo strumento, oltre a facilitare gli operatori del settore nel rispondere all'obbligo del D.Lgs. 102/2014, è quello di ottenere una standardizzazione degli indici di benchmark per le diverse modalità di trasporto, attualmente di difficile reperibilità in letteratura.

Inoltre, vuole essere uno stimolo verso le aziende di trasporto pubblico a migliorare il proprio sistema di monitoraggio per rendere più chiaramente identificabili le opportunità di efficientamento energetico nelle quali investire.

"Si tratta della prima volta che Agens sviluppa un lavoro comune con Enea. Per quanto ci riguarda si è trattato di una esperienza estremamente positiva che ci auguriamo preluda ad altre collaborazioni", ha sottolineato il presidente di Agens Arrigo Giana.

"Riteniamo di aver contribuito a redigere uno strumento utile per tutti gli operatori - prosegue Giana - con il decisivo apporto delle nostre Imprese associate, le quali hanno compreso fin da subito il motivo per cui Agens ha deciso di partecipare attivamente a questo lavoro. Per quanto ci riguarda gran parte del merito di aver collaborato a rendere questo servizio alle Imprese va ascritto al Gruppo di Lavoro Energia di Agens; tutto è partito perché ci siamo convinti che Diagnosi Energetica voglia dire tante cose: maggiore efficienza nel trasporto ma anche azione positiva in direzione della riduzione del danno ambientale; migliore competitività ma anche scelta decisa di un modo di trasporto sempre più al servizio dei cittadini, della loro mobilità e del miglioramento complessivo della qualità della vita soprattutto nei grandi centri urbani".

"Voglio ringraziare - conclude Giana - Enea, cui la Legge affida il compito di far rispettare i criteri della Diagnosi Energetica, per il particolare modo di intendere questo compito, considerandolo come un percorso che spieghi, ascolti, convinca le aziende di ciò che devono fare, puntando soprattutto sulla condivisione e sull'applicazione consapevole delle regole".

Si tratta di una pubblicazione che, come ha chiarito Gino Colella, direttore generale Agens "non ha rappresentato per noi un piacevole imprevisto, ma una tappa voluta di un percorso che viene da lontano e si ripromette di andare lontano, nella consapevolezza che tutti noi abbiamo che quando si ha la rappresentanza di alcune tra le maggiori aziende del Paese, si hanno anche proporzionate responsabilità, che ci obbligano di diventare più di noi stessi, più dei nostri interessi, mettendo al centro della nostra azione i cittadini e le comunità".