Italia markets open in 2 hours 58 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.983,44
    +535,43 (+1,95%)
     
  • EUR/USD

    1,2090
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    40.791,55
    -1.490,40 (-3,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.353,19
    -34,71 (-2,50%)
     
  • HANG SENG

    27.988,71
    +270,04 (+0,97%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Tre club di Serie A chiedono l'espulsione di Inter, Juventus e Milan dal campionato

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

Dopo l'ufficialità della nascita della Super League scattano le polemiche e le prime reazioni del mondo del calcio. Nella serata di ieri è arrivato il comunicato congiunto dei 12 Club fondatori, in cui sono comprese anche le italiane Inter, Juventus e Milan.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Dodici prestigiosi club europei di calcio hanno annunciato oggi congiuntamente un accordo per costituire una nuova competizione calcistica infrasettimanale, la Super League, governata dai Club Fondatori. AC Milan, Arsenal FC, Atlético de Madrid, Chelsea FC, FC Barcelona, FC Internazionale Milano, Juventus FC, Liverpool FC, Manchester City, Manchester United, Real Madrid CF e Tottenham Hotspur hanno tutti aderito in qualità di Club Fondatori. È previsto che altri tre club aderiranno come Club Fondatori prima della stagione inaugurale, che dovrebbe iniziare non appena possibile. In futuro, i Club Fondatori auspicano l’avvio di consultazioni con UEFA e FIFA al fine di lavorare insieme cooperando per il raggiungimento dei migliori risultati possibili per la nuova Lega e per il calcio nel suo complesso" si legge nell'incipit della nota ufficiale.

Secondo La Repubblica, la decisione non sarebbe andata giù a tre club di Serie A, ovvero Cagliari, Verona e Atalanta, che hanno chiesto l’espulsione delle tre big dal campionato.

Segui 90min su Facebook.