Italia markets close in 5 hours 45 minutes
  • FTSE MIB

    24.448,45
    -354,45 (-1,43%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,48
    -0,44 (-0,68%)
     
  • BTC-EUR

    45.849,78
    -2.053,79 (-4,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.481,97
    -79,33 (-5,08%)
     
  • Oro

    1.837,40
    -0,20 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2168
    +0,0034 (+0,28%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.944,37
    -89,88 (-2,23%)
     
  • EUR/GBP

    0,8607
    +0,0016 (+0,19%)
     
  • EUR/CHF

    1,0972
    +0,0038 (+0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,4718
    +0,0034 (+0,23%)
     

Treasuries Usa in rialzo ad aprile dopo quattro mesi di ribassi, BTP in calo dell'1,5%

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Ad aprile i Treasuries americani hanno interrotto la fase ribassista durata quattro mesi consecutivi, riportando un rialzo dello 0,8%. E' quanto emerge dal rapporto di Deutsche Bank sugli asset che hanno fatto meglio - e peggio - il mese scorso. Merito della Fed, che ha continuato a rassicurare gli investitori sull'intenzione, per ora, di non lanciare il tapering negli acquisti di asset (che avvengono tramite il Quantitative easing), in quanto non preoccupata dell'inflazione. I tassi dei Treasuries Usa hanno così terminato il mese di aprile in calo di 11,5 punti base, riportando la flessione mensile più forte dallo scorso luglio. In Europa, invece, i debiti sovrani hanno concluso un mese negativo, con i Bund in ribasso dello 0,7%, gli OAT -1% e i BTP in calo dell'1,5%. E' vero che i gilt britannici sono saliti dello 0,5%, tuttavia i titoli UK continuano a confermarsi tra i peggiori titoli di stato da inizio anno, con una perdita del 6,9%. L'oro, che si era confermato tra gli asset peggiori del primo trimestre con un tonfo del 10%, è riuscito a ridurre parte dei ribassi guadagnando il 3,6% nel mese.