Italia Markets open in 8 hrs 23 mins

Trend mercati in ribasso dopo la firma di Trump

Federica Pace
 

Dopo la firma della legge pro manifestanti Hong Kong da parte di Donald Trump , il mercato azionario ha reagito con un trend ribassista e Pechino minaccia contromisure.

Mercati azionari in ribasso dopo la firma dell’Hong Kong Human Rights and Democracy Act

Ancora scontri tra USA e Pechino dopo la firma del presidente Trump dell'"Hong Kong Human Rights and Democracy Act" , la legge a sostegno delle proteste per la democrazia in corso da oltre cinque mesi nell'ex colonia britannica.

Intanto il colosso commerciale cinese ha espresso "forte rammarico" minacciando "decise contromisure".

La Cina mette in guardia gli USA di non procedere sulla sua strada, altrimenti reagirà adottando tutte le contromisure.

Dopo aver convocato l' ambasciatore Usa Terry Branstad , la Cina ha chiesto al Presidente Trump di porre fine alle interferenze di Washington negli affari interni di Pechino.

La conseguenza di questa situazione instabile e di enorme tensione tra Cina e USA ha avuto subito ripercussioni rilevanti anche sulla Borsa dell'ex colonia che ha aperto la seduta in brusca correzione.

I futures Dow sono scesi dello 0,23% rispetto al valore equo. Anche i futures S&P 500 hanno ceduto lo 0,23%. I futures Nasdaq 100 sono scesi dello 0,19% alle 8:34 CET.

Le azioni Tesla sono scese dello 0,39% a $ 330. Le azioni Amazon sono scese dello 0,44% a $ 1,810, mentre Facebook è sceso dello 0,32% a $ 201,35. Netflix è sceso dello 0,20% a $ 315,30 e Google è sceso dello 0,082% a $ 1,311.

Previsioni PIL Stati Uniti: Bureau of Economic Analysis e Fed

Il Bureau of Economic Analysis degli Stati Uniti ha annunciato che il PIL degli Stati Uniti è cresciuto del 2,1% nel terzo trimestre, mentre la Federal Reserve Bank (Fed) di Atlanta prevede che il PIL crescerà ad un tasso dell'1,7% nel quarto trimestre dell'anno fiscale 2019.

Inoltre, la Fed ha sottolineato che l'economia americana ha segnato un trend lievemente rialzista nell'ultimo mese e mezzo.

Governo cinese chiede di “non mettere in campo” la Legge firmata da Donald Trump

Il governo cinese ha convocato l'ambasciatore degli Stati Uniti chiedendo di «non mettere in campo» la legge promulgata da Donald Trump per sostenere le manifestazioni di Hong Kong.

Questa firma minerà la cooperazione con la Cina «in aree importanti», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang.

Il capo della banca standard ICBC Jinny Yan ha affermato che siamo vicino ad un accordo imminente.

Per le prossime due settimane si attende la China’s annual Economic Work Conference, il che è un chiaro segnale che entrambe le parti siano finalmente pronte ad accordarsi.

Il provvedimento americano rende più difficile l’iter dell’accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti d’America.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online