Italia Markets open in 8 hrs 59 mins

Tribunale Napoli condanna Antitrust per diffamazione aziende...Rpt

Pie

Roma, 31 lug. (askanews) - Con un'ordinanza senza precedenti, il 30 luglio il Tribunale di Napoli Nord ha giudicato diffamatoria la comunicazione dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato dello scorso del 7 maggio 2020 nella quale la stessa annunciava tramite un comunicato stampa (DS2620) l'apertura di un'indagine nei confronti della Gdo in merito all'aumento dei prezzi dei beni alimentari e di detergenti, disinfettanti e guanti associati all'emergenza coronavirus. Ce. Di. SIGMA Campania spa, primario Gruppo della Grande Distribuzione citato nella comunicazione, aveva immediatamente proposto domanda cautelare documentando successivamente la propria totale estraneità alla vicenda.

Considerati gli ingiusti effetti su Ce. Di. SIGMA Campania spa, si legge in una nota, il giudice designato del Tribunale di Napoli Nord ha giudicato diffamatoria la comunicazione e ha depositato un'ordinanza con la quale condanna in via cautelare l'Antitrust alla immediata rettifica di quel comunicato, ricordando il dovere di tutti semplici cittadini, Autorità, Pubbliche o privati, di osservare la legge e di adottare le doverose cautele quando, come nella fattispecie, si tratta della reputazione professionale e commerciale di operatori economici sani e corretti. Il Tribunale ha inoltre condannato l'Antitrust al pagamento delle spese.

"L'ordinanza emessa dal Tribunale di Napoli Nord è estremamente significativa poiché pone attenzione sull'importanza di una corretta comunicazione da parte delle Authority e nello specifico dell'Antitrust", ha commentato Francesco Del Prete, amministratore delegato della società. "Il comunicato a suo tempo diramato dall'Antitrust non era solo gravemente lesivo della nostra reputazione ma costituiva un comportamento contrario ai principi di imparzialità e correttezza professionale ai quali l'Autorità stessa dovrebbe ispirarsi". Ce. Di. SIGMA Campania spa è stata rappresentata dal Professor Francesco Fimmanò e dall' Avvocato Luca Caravella.

Red

311744 lug 20