Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.209,37
    -4.770,72 (-9,94%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Troppa plastica nel packaging del food italiano, freno a export?

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 nov. (askanews) - Il materiale preferito dal mercato italiano per gli imballaggi, in particolare per il food, continua a essere la plastica, tanto che la produzione nostrana è insufficiente e sale il dato dell'import, soprattutto per le bottiglie oltre i 2 litri, che segna +5,1% fra gennaio/febbraio del 2021 rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Negativo invece il trend dell'export, in particolare per le bottiglie sotto i due litri, che sono le più usate in assoluto dal settore Food and Beverage: -14,6% stimato nello stesso arco di tempo del dato precedente.

Uno scenario in cui il comparto food fa la parte del leone, considerando che l'incidenza del settore a volume sull'utilizzo complessivo di imballaggi in plastica in Italia è del 51,2%, seguito da bevande, chimico e cosmetici. È l'analisi di Osservatorio Food - centro di raccolta e analisi dati di Food, società editoriale multicanale specializzata nell'agroalimentare italiano.

In un modo che si avvia verso una svolta green e dove la parola sostenibilità è diventata un mantra, la plastica frena l'export del packaging nazionale? Il settore dà nel suo complesso segnali di dinamismo: +8,3% fra 2007 e 2020, con una flessione fisiologica causa pandemia nel 2020 che si è chiuso con un calo del 3,1% per i volumi di produzione. In questo contesto la plastica si stacca con un dato decisamente negativo, quel -14,6% riferito al 2021.

Anche l'export del food cresce nell'ultimo anno, segnando +1,2% tendenziale. Su un settore solidamente affermato nel gradimento dei paesi stranieri, tanto da assicurare la tenuta dell'export nonostante la pandemia, c'è da chiedersi se la scelta della plastica nel suo utilizzo tradizionale non rischi quindi di frenare il settore.

Gli operatori dei vari segmenti del comparto delle bioplastiche, ad esempio, si vanno espandendo nel mercato italiano un po' a macchia di leopardo, di riflesso alle difficoltà e alle incertezze che riguardano l'andamento dei prezzi e dei consumi. "In generale - commenta Elisabetta Bottazzoli, direttore di Assobioplastiche - i settori degli shopper e dei sacchetti per la raccolta della frazione organica mostrano un andamento più o meno stabile, ma ci aspettiamo un ulteriore consolidamento grazie alla nuova normativa di recepimento del pacchetto europeo sull'economia circolare, che rende obbligatoria la raccolta differenziata dell'umido entro la fine dell'anno in corso".

A ulteriore dimostrazione della dinamicità del settore verso una svolta Green, nel maggio 2020 Anna Paola Cavanna, presidente dell'Istituto Italiano Imballaggio, ha firmato l'atto costitutivo della Fondazione Carta Etica del Packaging, assumendone la carica di presidente. Uno dei progetti in corso riguarda l'attivazione di un algoritmo "grazie al quale - spiega Anna Paola Cavanna - le aziende saranno in grado di misurare il posizionamento dei loro prodotti in termini di sostenibilità ambientale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli