Italia Markets closed

Trump rinvia i dazi sull'elettronica Made in China. Le Borse rifiatano

Carlo Renda

Gli Stati Uniti ritarderanno almeno fino al 15 dicembre gli ulteriori dazi del 10% su alcuni prodotti Made in China. Lo afferma l’ufficio del rappresentate americano per il commercio, sottolineando che saranno posticipati i dazi di “cellulari, laptop, console per videogame, alcuni giocattoli, monitor per computer e alcuni tipi di scarpe e di abbigliamento”.

L’amministrazione Trump non offre spiegazioni sullo slittamento dell’entrata in vigore dei dazi del 10% su alcuni prodotti Made in China: la decisione “rientra nell’ambito del processo” avviato di consultare l’opinione pubblica, si limita a dire. I dazi sarebbero dovuti entrare in vigore l′1 settembre mentre ora, per alcuni prodotti, slittano al 15 dicembre. Il ritardo offre una boccata di ossigeno alle trattative fra Washington e Pechino dopo che l’ultimo incontro a Shanghai si era risolto in un nulla di fatto. La delegazione cinese è attesa a Washington agli inizi di settembre per un nuovo round di incontri e questo offre l’occasione di raggiungere un accordo ed evitare del tutto l’entrata in vigore dei dazi.

Gli indici a Wall Street segnano un poderoso rally. Dopo un avvio in lieve calo, i listini hanno subito cambiato rotta iniziando una corsa al rialzo alimentata da rinnovate speranze per i negoziati commerciali tra Usa e Cina. Stando al Ministero cinese del Commercio, il vicepremier cinese Liu He ha parlato al telefono con Robert Lighthizer e Steven Mnuchin, rispettivamente il rappresentante commerciale e il segretario al Tesoro Usa. Le due parti hanno deciso di riparlasi al telefono nel giro delle prossime due settimane.

Apple ha subito preso il volo (+5%) come anche i prodotturi di giocattoli e Mattel. Il Dow Jones sale dell′1,6%, S&P 500 dell′1,44%, il Nasdaq cresce del 2%. Positive anche le borse europee, con Milano in rialzo dell′1,3%. Euro in calo sul dollaro. Il petrolio fa segnare un notevole rialzo. 

Donald Trump non fa mancare però le sue critiche a Pechino. Su...

Continua a leggere su HuffPost