Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.363,02
    -153,44 (-0,60%)
     
  • Dow Jones

    34.935,47
    -149,06 (-0,42%)
     
  • Nasdaq

    14.672,68
    -105,59 (-0,71%)
     
  • Nikkei 225

    27.283,59
    -498,83 (-1,80%)
     
  • Petrolio

    73,81
    +0,19 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    35.052,46
    +1.347,23 (+4,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    955,03
    +5,13 (+0,54%)
     
  • Oro

    1.812,50
    -18,70 (-1,02%)
     
  • EUR/USD

    1,1871
    -0,0025 (-0,21%)
     
  • S&P 500

    4.395,26
    -23,89 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    25.961,03
    -354,29 (-1,35%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,30
    -27,47 (-0,67%)
     
  • EUR/GBP

    0,8538
    +0,0022 (+0,26%)
     
  • EUR/CHF

    1,0743
    -0,0023 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,4801
    +0,0011 (+0,08%)
     

Turismo, Covid trasloca online le vacanze italiane

·2 minuto per la lettura

Il Covid ha inciso nel settore del turismo anche nel 'traslocare' online la governance e la gestione dei servizi turistici più tradizionali . Dalla prenotazione al soggiorno, fino agli aspetti burocratici, anche le piccole realtà italiane che valorizzano il territorio stanno infatti gestendo in forma digitale il rapporto con gli ospiti. A intercettare il trend digitale delle vacanze italiane sono state Beddy e Scloby, due realtà parte del gruppo Zucchetti, che hanno annunciato di avere integrato le attività permettendo così una gestione completamente in cloud di Hotel, Bed & Breakfast, Residence, Agriturismi e Property.

Tecnologie digitali, Intelligenza Artificiale, Internet of Things, blockchain e Big data, infatti, stanno modificando notevolmente la struttura dell’offerta e le dinamiche della domanda, sia per ridurre in tempo di pandemia i contatti tra le persone - grazie a check in e check out digitali, prenotazione dei servizi via App e pagamenti rigorosamente contactless - sia per migliorare l’efficienza della gestione riferiscono Scloby e il Pms Beddy.

E l'intreccio fra le due aziende é stato 'fatale' visto che la prima é proprietaria di una soluzione software multipiattaforma che sostituisce i registratori di cassa con tablet, smartphone o Pc, e l'altra é una innovativa piattaforma cloud che gestisce tutti i reparti dell’accoglienza e della vendita online di una struttura ricettiva. "Grazie all’integrazione dei due software, infatti, è possibile gestire in cloud l’intero soggiorno dei clienti: dalle prenotazioni delle camere al servizio al tavolo o al bar, fino agli addebiti in camera ed un checkout veloce ed intuitivo" sottolineano le due imprese tecnologiche.

Dario Vinciguerra, Ceo di Beddy (Gruppo Zucchetti), osserva che "l'Italia è uno dei paesi in cui già da anni il mercato dei piccoli alberghi e delle strutture extra alberghiere è cresciuto maggiormente". "Questo è dovuto principalmente al tessuto imprenditoriale, composto -spiega- da piccole e medie imprese e alle caratteristiche del territorio turistico e immobiliare dove spicca la presenza di case antiche da rivalorizzare, isole, paesi e territori che favoriscono la nascita di piccole strutture in case di nuova costruzione o antiche".

"Scloby storicamente si rivolge a realtà di media dimensioni, ma ci siamo resi conto che soprattutto nel settore alberghiero è fondamentale fornire anche alle piccole realtà servizi digitali semplici e integrati e un supporto semplice. È quello che facciamo grazie all’integrazione tra Beddy e Scloby con soluzioni che grazie al cloud possono essere percepite come un unico servizio" spiega Francesco Medda, Ceo di Scloby (Gruppo Zucchetti).

In manager indica infine che "in questo modo è possibile supportare chi ha deciso di aprire una nuova struttura, aiutandolo in tutto il processo: dagli adempimenti burocratici alla gestione dell’afflusso di ospiti in sicurezza, fino all’opportunità di accompagnare il turista durante tutta la customer experience".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli