Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.443,37
    +327,85 (+1,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Tutto sulle valute digitali delle banche centrali

Francesco Simoncelli
·8 minuto per la lettura

Di recente si è parlato molto delle valute digitali delle banche centrali (CBDC), poiché i banchieri centrali di tutto il mondo stanno discutendo la possibilità di emettere le proprie CBDC. Alcuni dei problemi di un tale assetto sono già stati evidenziati (si veda, ad esempio, qui e qui) e non li discuterò troppo nel presente articolo. Il mio scopo qui è quello di rispondere ad una semplice domanda: cosa esattamente è una CBDC? In cosa differisce dal contante fisico, dai depositi a vista e dalle criptovalute?

Cosa non sono

Cominciamo da ciò che le CBDC sicuramente non sono: non sono un nuovo tipo di criptovaluta simile al Bitcoin. Sebbene le banche centrali abbiano discusso l'emissione di CBDC sotto forma di token e l'utilizzo della tecnologia di registro distribuito (DLT), ciò non significa che le banche centrali intendano consentire alle persone di negoziarle e custodirle senza supervisione, per non parlare del fatto che controlleranno centralmente la loro offerta. Lo scopo delle DLT e della tokenizzazione è puramente una questione di quale tecnologia utilizzare nell'imposizione e distribuzione di una valuta digitale; non significa che le banche centrali abbiano adottato nessuna delle idee alla base dell'ascesa di Bitcoin.

Alcune banche centrali credono che l'esistenza e l'aumento del valore di mercato di Bitcoin e altre criptovalute sia la prova che esiste una domanda per una valuta digitale e che dovrebbero quindi soddisfare tale domanda. Non sembrano rendersi conto che la domanda di Bitcoin, come la domanda di oro, è qualcosa al di fuori del controllo delle banche centrali e degli stati.

È anche importante sottolineare, contrariamente a quanto pensano gli stessi banchieri centrali, che una CBDC non è una passività del sistema bancario centrale più di quanto lo sia il contante fisico. Nel senso puramente formale di essere una voce sul lato destro del bilancio della banca centrale, sia il contante che una CBDC sono passività. Tuttavia la definizione di passività è l'obbligo di consegna di una merce (solitamente denaro) alla parte a cui è dovuto l'onere (si veda Investopedia). I detentori delle passività della banca centrale, quindi, vantano un credito nei confronti delle banche centrali, ma a cosa hanno esattamente diritto? La risposta corretta ovviamente è "niente" e, quindi, né i contanti fisici né le CBDC possono essere considerate una passività. Il fatto che le banche centrali registrino il contante come passività è semplicemente una reliquia di un'epoca passata in cui le banconote erano davvero sostituti coperti del denaro nel senso misesiano e le banche erano davvero soggette a restituire una somma di denaro (cioè oro) quando qualcuno si presentava per riscattarle.

(Per inciso, le riserve della banca centrale sono elencate come passività, poiché le banche che detengono riserve presso di essa hanno veramente un diritto nei confronti della banca centrale, vale a dire, un diritto ad essere rimborsate.)

Cosa sono

Le CBDC sono, o intendono essere, un equivalente digitale del contante fisico. Proprio come quattro quarti di dollaro sono l'equivalente di una banconota da un dollaro, così un dollaro in valuta digitale sarà l'equivalente di un dollaro in contante fisico. È semplicemente una nuova espressione tecnologica della stessa moneta fiat. Ricordate che il denaro fiat, come lo descrisse Mises, è "denaro che comprende cose con una qualifica giuridica speciale", cioè queste cose non sono tecnologicamente diverse dalle altre, ad eccezione del sigillo statale che dimostra che hanno una qualifica giuridica speciale. Il corollario di ciò è che cose tecnologicamente dissimili (monete metalliche, banconote di carta e risorse digitali) fanno tutte parte dell'offerta di moneta fiat fintanto che possiedono i sigilli che confermano il loro status legale.

Dovrebbe essere chiaro che dal punto di vista della banca centrale, l'emittente di moneta fiat, la moneta digitale presenta alcuni vantaggi rispetto al contante fisico. Per prima cosa, è davvero conveniente da produrre: mentre i costi di produzione dei contanti fisici sono trascurabili, ci sono e possono diventare evidenti soprattutto quando nuovo denaro fisico deve essere distribuito velocemente (ad esempio, per evitare una corsa agli sportelli). La valuta digitale, d'altra parte, non solo può essere creata istantaneamente, ma può anche essere distribuita istantaneamente. Questo perché esistono due modelli per detenere e utilizzare le CBDC: o direttamente con la banca centrale in un "wallet digitale", o indirettamente attraverso un intermediario designato dalla banca centrale. In entrambi i casi, la banca centrale può dirigere rapidamente e senza costi il ​​flusso della nuova valuta digitale a chi vuole.

La differenza col denaro fisico

Mentre sia le CBDC che il denaro fisico fanno parte dell'offerta di moneta fiat, ci sono alcune differenze sostanziali tra i due. Questo è qualcosa che i banchieri centrali sanno bene, poiché, come ho scritto nel mio precedente articolo sull'argomento, riconoscono la necessità di investire in valuta digitale con privilegi di corso legale. Altrimenti temono che le persone possano rifiutarsi di accettarle in cambio. Le differenze principali tra i due tipi di moneta fiat sono: costi per l'utente, privacy e portata del controllo da parte della banca centrale. Esaminiamoli uno alla volta.

Costi per l'utente: il denaro fisico è praticamente gratuito da detenere, anche in quantità considerevoli. È vero che ad un certo punto si potrebbe voler investire in misure di sicurezza aggiuntive per proteggere il proprio denaro, come una cassaforte o affittare una cassetta di sicurezza in una banca (sebbene queste non siano più così sicure). La valuta digitale, d'altra parte, significa che le persone dovranno investire e imparare ad utilizzare qualsiasi software e dispositivo elettronico siano necessari per gestirla. Questa potrebbe essere una sfida per molti che non sono particolarmente esperti di tecnologia e un onere significativo per i negozi che dovranno investire in nuovi macchinari per elaborare i pagamenti digitali. Inoltre impone oneri sotto forma di nuovi rischi. Ai vecchi rischi di una rapina si aggiungono i nuovi rischi di attacchi informatici che potrebbero prosciugare il wallet digitale di una persona. Sebbene le banche centrali possano essere in grado di cavarsela per quanto riguarda gli sviluppi tecnologici nel campo dei criptoasset, non dovremmo ignorare la realtà di questo rischio, né il disagio che potrebbe causare a persone che non sono competenti a livello digitale.

Privacy: il modo più privato di fare affari, l'unico che non lascia tracce cartacee, è ancora pagare in contanti. Bitcoin e altre criptovalute migliorano questo aspetto e lo portano ad un nuovo livello. In ogni caso, quando si parla di CBDC non si può parlare di privacy: come ha affermato la BCE in una sua relazione recente sulla questione, bisognerà fornire l'accesso ad ogni singola transazione, tutto in nome della sempiterna lotta al riciclaggio di denaro e al terrorismo. Qualunque sia il merito di tali preoccupazioni (spoiler: nessuno), il chiaro risultato sarà quello di rendere trasparenti tutte le transazioni alla banca centrale ed a chiunque essa scelga di condividere le informazioni.

Controllo della banca centrale: poiché il contante fisico è fornito interamente dalla banca centrale, si potrebbe pensare che essa abbia un controllo effettivo sull'offerta di denaro. Invece non è così. È vero che la banca centrale può aumentare l'offerta a volontà, ma è molto più difficile per essa controllare la distribuzione e la proprietà del contante fisico. Inoltre non può diminuire l'offerta di denaro fisico con la stessa facilità con cui l'aumenta. Le persone possono, se lo desiderano, detenere gran parte della loro ricchezza sotto forma di contanti e sostanzialmente non c'è nulla che la banca centrale possa fare al riguardo. O meglio, qualunque misura possa prendere è molto costosa e cieca; cioè, non può accusare quegli individui il cui saldo di cassa è ritenuto eccessivo. Con una valuta digitale, invece, la banca centrale avrebbe sia il potere che le conoscenze necessarie per controllare quanto detiene ogni persona e azienda. Poiché l'obiettivo dichiarato delle banche centrali è quello di aumentare la spesa nominale, desiderano una valuta digitale al fine di imporre ogni sorta di restrizione alla detenzione di denaro. La BCE, ad esempio, parla apertamente di limitare l'importo che una persona può detenere, limitare il tempo in cui una persona può detenere una somma di denaro e imporre tassi d'interesse negativi su importi che la banca ritiene eccessivi. Tutto ciò sarebbe praticamente impossibile se le persone usassero contanti fisici invece di una valuta digitale.

CBDC & moneta creata dalle banche (depositi a vista)

È anche importante distinguere chiaramente tra CBDC e sostituti del denaro emessi dalle banche commerciali. A differenza di una valuta digitale, questi mezzi fiduciari sono vere passività, ovvero il proprietario di un deposito a vista può richiedere che venga pagato in denaro. Non abbiamo bisogno di entrare nella teoria qui; è sufficiente notare che la possibilità di rimborso in contanti fisici impone un limite all'emissione di mezzi fiduciari che non è presente con la produzione di moneta fiat da parte della banca centrale.

Le banche sono generalmente disposte a pagare interessi sui depositi a vista, poiché investono la maggior parte del de Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online