Italia Markets close in 3 hrs 48 mins
  • FTSE MIB

    22.667,33
    +16,55 (+0,07%)
     
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • Petrolio

    53,10
    -0,21 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    26.592,90
    -1.061,21 (-3,84%)
     
  • CMC Crypto 200

    642,20
    -37,70 (-5,55%)
     
  • Oro

    1.871,30
    +4,80 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,2151
    +0,0035 (+0,2916%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.637,91
    +13,87 (+0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,8848
    -0,0018 (-0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0002 (+0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,5330
    +0,0040 (+0,26%)
     

Twitter e Facebook crollano in Borsa dopo aver bloccato Trump

Matia Venini
·1 minuto per la lettura
Twitter e Facebook crollano in Borsa dopo aver bloccato Trump
Twitter e Facebook crollano in Borsa dopo aver bloccato Trump

Il social network di Dorsey in apertura di listino registra perdite superiori al 10%. Tycoon bloccato su tutte le piattaforme

Inizia male la settimana a Wall Street per Twitter che, dopo aver bannato Donald Trump dalla piattaforma l’8 gennaio, ha aperto la seduta arrivando a perdere l'11%. Un segnale del crollo si era visto già dal pre-market, dove il titolo del social network aveva perso il 6,4%. Apertura negativa anche per Facebook, in perdita del 2%.

IL BAN DOPO CAPITOL HILL

Twitter ha deciso di bannare Trump l’8 gennaio, due giorni dopo l’assalto dei suoi sostenitori a Capitol Hill, per “il rischio che inciti ulteriormente la violenza”. Il social network ha poi cancellato anche i suoi post pubblicati con l’account ufficiale della Casa Bianca, @Potus. Un trattamento che sicuramente non sarà piaciuto agli 88 milioni di follower del Presidente degli Stati Uniti, che hanno interpretato il gesto come una censura nei confronti del tycoon.

TRUMP SENZA SOCIAL

Trump si è visto bloccare, questa volta temporaneamente, anche il proprio account Facebook. E, come se non bastasse, Apple, Google e Amazon hanno bloccato l’accesso dai propri server all’app Parler, social network popolare tra i conservatori e tra i sostenitori dell’estrema destra, rendendola indisponibile agli utenti. Dall’11 gennaio la piattaforma è offline.