Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.335,33
    +462,50 (+1,13%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,51 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Uber: batosta in Uk, Corte inglese riconosce gli autisti come dipendenti

Alessandra Caparello

Gli autisti di Uber sono lavoratori dipendenti a tutti gli effetti. Così ha deciso la Corte Suprema del Regno Unito confermando le sentenze dei tribunali inglesi secondo cui gli autisti di Uber dovrebbero essere classificati come lavoratori piuttosto che appaltatori indipendenti. Contro queste pronunce Uber si è opposta presentando ricorso. Dopo la sentenza della Corte Suprema Uk, la società statunitense in una nota ha affermato di "rispettare" la decisione della Corte suprema britannica e ha annunciato che avvierà una consultazione con tutti gli autisti Uber britannici per capire quali cambiamenti vorrebbero avere.