Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.007,65
    +370,46 (+1,14%)
     
  • Nasdaq

    12.065,50
    +324,84 (+2,77%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,09
    +1,00 (+0,88%)
     
  • BTC-EUR

    26.487,38
    -1.210,60 (-4,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    616,64
    -12,86 (-2,04%)
     
  • Oro

    1.851,00
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0728
    -0,0005 (-0,04%)
     
  • S&P 500

    4.133,40
    +75,56 (+1,86%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0013 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0270
    -0,0017 (-0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,3653
    -0,0048 (-0,35%)
     

Ubs detiene 22 mld di dollari in asset cittadini russi non residenti in Svizzera, See

·1 minuto per la lettura
FILE PHOTO: Logo of Swiss bank UBS is seen in Zurich

ZURIGO (Reuters) - A fine marzo, Ubs deteneva circa 22 miliardi di dollari in attività investite per i clienti russi non residenti in Svizzera o nello Spazio economico europeo (See).

È quanto emerso dal bilancio trimestrale pubblicato dal gruppo, che per la prima volta rende pubbliche le attività detenute per simili clienti.

Ubs aveva comunicato a marzo di avere una limitata esposizione diretta in Russia, equivalente a circa 634 milioni di dollari contro un'esposizione totale della banca svizzera nei mercati emergenti pari a 20,9 miliardi di dollari alla fine del 2021.

Secondo la trimestrale, lo 0,7% del totale di 3.145 miliardi di dollari di asset investiti nella divisione di gestione patrimoniale riguardava "persone russe non aventi diritto alla residenza nello Spazio economico europeo (See) o in Svizzera".

L'istituto ha comunicato che la divisione di wealth management ha registrato anche un calo delle attività che generano commissioni, a causa di "decisioni strategiche per uscire da mercati o servizi e legate alle sanzioni relative all'invasione della Russia in Ucraina".

L'esposizione diretta in Russia è calata a 0,4 miliardi di dollari alla fine di marzo. Nel primo trimestre, l'istituto ha comunicato perdite intorno a circa 100 milioni di dollari dall'esposizione delle attività russe in diverse divisioni.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli