Ubs, titolo in forte calo, perdono terreno tutte banche europee

Il logo Ubs presso una filiale a Zurigo

(Reuters) - I titoli bancari oggi tornano a perdere terreno dopo una settimana tumultuosa, con gli investitori preoccupati che le peggiori turbolenze del settore dalla crisi finanziaria del 2008 non siano ancora state arginate.

L'indice delle principali banche europee intorno alle 10,30 cede il 3,5%, con la banca svizzera Ubs in calo del 5% circa.

Deutsche Bank perde più del 10% dopo un forte aumento dei credit default swap ieri sera.

Dopo l'improvviso fallimento di due banche regionali statunitensi a marzo, che ha scatenato le turbolenze del settore, Ubs ha acquistato Credit Suisse in un'operazione lampo domenica dopo che l'istituto di credito svizzero aveva perso la fiducia degli investitori.

Le autorità svizzere e Ubs si stanno affrettando per chiudere l'acquisizione entro un mese, per cercare di mantenere i clienti e i dipendenti di Credit Suisse, hanno riferito due fonti a conoscenza dei piani.

Bloomberg News ha scritto che Credit Suisse e Ubs sono tra le banche sotto esame nell'ambito di un'indagine del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti per verificare se i loro dipendenti hanno aiutato gli oligarchi russi a eludere le sanzioni.

Nessun commento da parte di Credit Suisse e Ubs, mentre il Dipartimento di Giustizia non ha risposto immediatamente alle richieste di commento inviate via e-mail da Reuters.

Il calo dei titoli bancari europei fa seguito alle perdite registrate ieri negli Stati Uniti, dove gli investitori hanno cercato di capire fino a che punto le autorità si spingeranno per sostenere il settore, in particolare le fragili banche regionali.

Per la quarta volta in una settimana, la segretaria al Tesoro statunitense Janet Yellen è intervenuta per rassicurare gli americani sulla sicurezza del sistema bancario nazionale.

Yellen ha detto al Congresso che le autorità di regolamentazione bancaria e il Tesoro sono pronti a fornire garanzie complete sui depositi di altre banche, come hanno fatto con le fallite Silicon Valley Bank e Signature Bank

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Sabina Suzzi)