Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,75 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,86 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,14 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,38 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.418,24
    -186,63 (-1,00%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,11 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8626
    +0,0019 (+0,22%)
     
  • EUR/CHF

    1,0004
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Ucraina, cerealisti (Anacer), con import mais dal Brasile +40% costo trasporti

(Adnkronos) - Calo dei raccolti, blocco dell'export dal Mar Nero di 25 milioni di tonnellate e prezzi alle stelle. Il mercato dei cereali è in grande difficoltà a causa della guerra in Ucraina e del caro energia e anche i cerealisti italiani, che importano la materia prima dalle regioni del conflitto, in primis grano e mais, si stanno orientando altrove per rifornirsi di materia prima.

"Le nostre difficoltà sono state momentanee non appena c'è stato il blocco delle importazioni dall'Ucraina, ed è così che abbiamo trasferito i nostri flussi del mais dall'Ucraina al Brasile. Comunque, per noi, si è trattato di un doppio effetto di aumento dei prezzi: sia sul mercato che per i costi della logistica, perché un conto è importare dall'Ucraina e un conto dal Brasile con aumenti del +30 e del 40%". Ad affermarlo è Carlo Licciardi, presidente uscente di Anacer, interpellato dall'Adnkronos sul tema. Del resto, spiega "per le norme europee non si possono importare cereali dagli Usa per problemi legati agli Ogm e neanche dall'Argentina per il livello di diserbanti non consentiti, tuttavia, c'è da dire che in Italia - sottolinea - c'è sempre un problema di responsabilità che nessuno si prende e tante decisioni sono dilatate nel tempo, mentre ad esempio, la Spagna è stata molto più flessibile autorizzando le importazioni dagli Usa per salvaguardare l'industria del Paese".

"Quello che noi subiamo a monte comunque - aggiunge - lo trasferiamo a valle mentre alcuni anelli della filiera, come l'industria molitoria, mangimistica e di trasformazione, si stanno impoverendo perché costrette a pagare costi superiori senza poterli trasferire a valle". Ulteriori problemi riguardano "i fertilizzanti con un aumento dei prezzi del 200-300% a causa della carenza di materia prima e per i prezzi energetici. E' tutto interconnesso" sottolinea Licciardi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli