Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,90 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,80 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,23 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    110,35
    +0,07 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    28.344,54
    +303,73 (+1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,00 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,0563
    -0,0025 (-0,23%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,54 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8454
    -0,0027 (-0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,0293
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3557
    -0,0012 (-0,09%)
     

Ucraina, da Russia censura a Kadyrov: sui media citato solo con autorizzazione

(Adnkronos) - In teoria è uno dei più fedeli alleati di Vladimir Putin, nella realtà è un personaggio ingombrante che Mosca ha deciso di 'controllare' almeno sui media statali. Secondo quanto riportano siti russi, ai media statali sarebbe stato proibito di citare nei loro materiali il capo della Cecenia Ramzan Kadyrov, senza avere prima ottenuto un permesso dall'alto. Un tentativo evidente di arginare la visibilità di Kadyrov, che è stato molto attivo sui social network dall'inizio della guerra. I pezzi sul leader ceceno dovranno quindi prima essere autorizzati dai vertici delle singole testate che a loro volta dovranno ricevere un via libera dalle autorità politiche.

Ci sarebbe questo diktat - spiegano fonti giornalistiche - dietro il mancato rilancio da parte dell'agenzia ufficiale Tass del messaggio di Kadyrov sulla resa di 260 militari ucraini. Peraltro la stessa agenzia ha iniziato a ritardare in maniera sempre più evidente - o addirittura a non pubblicare - notizie sul conflitto in Ucraina ritenute 'scomode'.

A Kadyrov verrebbero contestate le affermazioni sui presunti successi dei combattenti ceceni ma anche le critiche al portavoce del Cremlino Dmitry Peskov per essersi rifiutato di chiamare 'traditori' gli artisti che hanno lasciato la Russia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli