Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    20.319,13
    -63,96 (-0,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0025 (+0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0112
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,3602
    -0,0072 (-0,53%)
     

Ucraina, l’impatto della guerra nella mente dei bambini in fuga

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 mag. (askanews) - "Impauriti, fragili, destabilizzati". È la fotografia scattata dalla neuropsichiatra infantile di Antoniano Annarosa Colonna, dopo aver incontrato e visitato un primo gruppo di bambini ucraini in fuga dalla guerra arrivati a Bologna con le loro mamme.

"Al momento abbiamo avuto modo di incontrare solo un numero ridotto di minori con e senza disabilità - aggiunge la neuropsichiatra - ma abbiamo notato che tutti manifestano difficoltà comportamentali dovute all'esperienza traumatica che hanno vissuto: si tratta, in particolare, di manifestazioni di iper-allerta con disregolazione emotiva. Sono bambini attenti ad ogni piccola variazione dell'ambiente (rumori, movimenti e tutto ciò che accade intorno a loro) a cui rispondono con un'iperattivazione (si alzano, si avvicinano subito all'adulto di riferimento e interrompono l'attività che stavano svolgendo). Queste manifestazioni sono ancora più evidenti in caso di disabilità dove i comportamenti disadattivi sono estremizzati. Questi primissimi incontri ci confermano quanto sia davvero fondamentale stare accanto ai bambini in fuga dalla guerra anche dal punto di vista psicologico".

A tre mesi dall'inizio del conflitto in Ucraina, sono circa sei milioni i bambini in fuga e tra questi oltre 39.000 hanno trovato rifugio in Italia . Si tratta di bambini che, prima di raggiungere un posto sicuro, hanno vissuto in prima persona non solo gli orrori della guerra, ma anche un distacco improvviso dalla propria quotidianità e dal proprio ambiente. "Bambini a cui è molto importante stare accanto non solo dal punto di vista materiale, ma anche dal punto di vista emotivo", spiega fra Giampaolo Cavalli, direttore dell'Antoniano, che sin dall'inizio dell'emergenza si è attivato per sostenere le persone in fuga dalla guerra, offrendo sia aiuto materiale che supporto emotivo e psicologico attraverso il centro terapeutico e il centro di ascolto dell'organizzazione.

"I bambini ucraini che arrivano in Italia - aggiunge - sono stati sono sottoposti ad un trauma nel trauma. Non possiamo cancellare quello che hanno visto e vissuto, ma dobbiamo fare tutto il possibile per aiutarli a superare l'orrore che sono stati costretti ad affrontare. Per questo noi dell'Antoniano con la rete di Operazione Pane e grazie al prezioso aiuto dei nostri volontari e operatori specializzati siamo al loro fianco per sostenerli in tanti bisogni".

Tra le iniziative messe in campo a supporto dell'emergenza Ucraina, il Centro Terapeutico di Antoniano - che dal 1981 si occupa di percorsi di riabilitazione, benessere e prevenzione per i bambini in età evolutiva - ha organizzato a Bologna una giornata "a porte aperte" per le famiglie e i bambini ucraini arrivati in questi mesi con visite specialistiche riabilitative multiprofessionali. Per agevolare la comunicazione con i bambini e le mamme, i medici e gli operatori del Centro Terapeutico hanno realizzato delle tabelle di comunicazione in simboli e italiano-ucraino, utili per superare le barriere linguistiche e instaurare un dialogo diretto durante le visite. Lo staff medico è stato aiutato anche da Nataliia, una ragazza ucraina fuggita dalla guerra che prima del conflitto lavorava a Leopoli come educatrice.

"Cefalea, difficoltà di sonno e mancanza di concentrazione sono i sintomi ricorrenti che abbiamo riscontrato nei bambini visitati - aggiunge Annarosa Colonna - e si tratta delle conseguenze del continuo stato di allerta cui sono sottoposti questi bambini da quando è iniziata la guerra". L'esperienza traumatica che hanno vissuto non abbandona i bambini, nonostante ora siano al "sicuro" e lontani dalla guerra. "Una mamma che è scappata con i due figli, lasciando il marito in Ucraina a combattere - aggiunge Annarosa Colonna - mi ha spiegato che il figlio, in età scolare, è sempre collegato al cellulare per sapere quando scattano gli allarmi e se ci sono incursioni aeree. Il bambino corre sempre da lei non appena riceve la comunicazione e così anche lei è sempre in allerta: è come se ci fosse un filo continuo tra loro e la guerra che hanno lasciato che non gli permette mai di sentirsi al sicuro e ritrovare energie rinnovate per affrontare la quotidianità. Durante la visita, il bambino reagiva con comportamenti istintuali di fuga anche in risposta a semplici rumori ambientali (si alzava in piedi di scatto sentendo una porta aprirsi)". "La prima cosa da fare per prevenire o gestire un disturbo post traumatico è diminuire lo stato di allerta costante in cui vivono sia gli adulti sia i bambini - aggiunge - sarebbe di grande aiuto avere a disposizione uno spazio esperienziale che, attraverso canali non verbali ma espressivi - come l'arte, la musica e il movimento - possa accedere alla componente emotiva in modo delicato e graduale, permettendo una rielaborazione dei vissuti ed una riduzione dello stato di attivazione".

L'Antoniano si sta adoperando per attivare dei laboratori per i bambini ucraini anche con disabilità pensati proprio per aiutarli a superare il trauma. Tra questi, un lab di arteterapia che permetta di mettere l'aspetto emotivo in uno spazio grafico, materico.

LE ATTIVITA' DELL'ANTONIANO IN ITALIA, IN UCRAINA E AI CONFINI. L'Antoniano si è attivato sin dall'inizio della guerra per sostenere le persone in fuga arrivate in Italia e per portare supporto in Ucraina e ai confini. In particolare, sta sostenendo alcune strutture francescane in Ucraina, a Konotop, Odessa e Kiev, e una struttura in Romania impegnata ad offrire supporto alle mamme e ai bambini che attraversano il confine dell'Ucraina, non solo con aiuti primari ma un sostegno concreto per integrarsi e inserirsi nel mondo del lavoro, a partire dall'insegnamento della lingua rumena. In Italia - oltre ad aver attivato a Bologna servizi di accoglienza, sostegno alimentare, formazione, integrazione e supporto emotivo - attraverso la rete solidale di Operazione Pane, l'Antoniano sta aiutando altre realtà francescane impegnate nell'accoglienza degli ucraini in fuga dalla guerra, come il convento di Bordighera e quello di Montenero, in provincia di Imperia. Da Bologna a Palermo sono oltre un centinaio le donne e i bambini che sono stati già raggiunti dalla rete di Operazione Pane ricevendo accoglienza, presso le strutture dei frati francescani o presso privati, e supporto: dai pasti ai beni di prima necessità come farmaci, pannolini, indumenti, biancheria.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli