Italia markets open in 23 minutes
  • Dow Jones

    33.852,53
    +3,07 (+0,01%)
     
  • Nasdaq

    10.983,78
    -65,72 (-0,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.968,99
    -58,85 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0354
    +0,0019 (+0,19%)
     
  • BTC-EUR

    16.304,88
    +279,21 (+1,74%)
     
  • CMC Crypto 200

    400,96
    +12,24 (+3,15%)
     
  • HANG SENG

    18.518,48
    +313,80 (+1,72%)
     
  • S&P 500

    3.957,63
    -6,31 (-0,16%)
     

Ucraina, ok Europarlamento a 18 mld prestiti

(Adnkronos) - Il Parlamento europeo ha approvato a grande maggioranza il pacchetto di prestiti per l'Ucraina, per un ammontare di 18 mld di euro nel 2023. La plenaria a Strasburgo ha approvato con 507 voti a favore, 38 contrari e 26 astenuti.

I 18 miliardi di euro copriranno circa la metà dei 3-4 miliardi di euro di finanziamenti mensili di cui l'Ucraina avrà bisogno nel 2023. Il denaro servirà a sostenere i servizi pubblici essenziali, come la gestione di ospedali e scuole e la fornitura di alloggi per le persone trasferite, la stabilità macroeconomica e il ripristino delle infrastrutture critiche distrutte dalla Russia. Il prestito, che sarà finanziato dall'Ue raccogliendo fondi sui mercati finanziari, sarà erogato in rate trimestrali, con una continuità essenziale per mantenere l'Ucraina a galla nel contesto della guerra.

Il prestito è collegato a una serie di riforme da adottare per rafforzare le istituzioni del Paese e prepararlo sia alla ricostruzione che al percorso di adesione all'Ue: includono misure per la lotta alla corruzione, la riforma giudiziaria, il rispetto dello Stato di diritto, il buon governo e la modernizzazione delle istituzioni. Il loro stato di avanzamento sarà esaminato dalla Commissione prima dell’erogazione di ciascuna rata.

Per la presidente Roberta Metsola "l'Ucraina sta combattendo per i valori europei. Il Parlamento Europeo e l'Unione Europea hanno dimostrato una notevole solidarietà con l'Ucraina sul fronte umanitario, militare e finanziario. E importante che abbiamo concesso all'Ucraina lo status di candidato all'Ue".