Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.095,00
    +29,95 (+0,12%)
     
  • Dow Jones

    31.261,90
    +8,77 (+0,03%)
     
  • Nasdaq

    11.354,62
    -33,88 (-0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.739,03
    +336,19 (+1,27%)
     
  • Petrolio

    112,70
    +0,49 (+0,44%)
     
  • BTC-EUR

    27.824,43
    -114,43 (-0,41%)
     
  • CMC Crypto 200

    650,34
    -23,03 (-3,42%)
     
  • Oro

    1.845,10
    +3,90 (+0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,0562
    -0,0026 (-0,24%)
     
  • S&P 500

    3.901,36
    +0,57 (+0,01%)
     
  • HANG SENG

    20.717,24
    +596,56 (+2,96%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.657,03
    +16,48 (+0,45%)
     
  • EUR/GBP

    0,8442
    -0,0039 (-0,46%)
     
  • EUR/CHF

    1,0288
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,3556
    -0,0013 (-0,09%)
     

Ucraina, prosegue la corsa dei prezzi dei cereali

(Adnkronos) - "Ad oggi non si vede una possibilità di un ribasso dei prezzi dei cereali, in particolare del grano tenero, né in Italia né altrove". Ad affermarlo è Stefano Forbicini, responsabile ufficio sementi e concimi di Consorzi Agrari d'Italia (Cai), parlando con l'Adnkronos in merito alla situazione delle tensioni sui prezzi e alla reperibilità delle materie prime agricole a fronte della crisi russo-ucraina.

La tensione sui prezzi era iniziata già nell'estate 2021 per le scorte basse del raccolto 2021 che, a livello mondiale è stato basso, a causa dell'esplodere della guerra in Ucraina si è verificata un'ulteriore tensione sui mercati, in quanto questo Paese è uno dei maggiori produttori di cereali e di semi di girasole (con circa il 50% della produzione mondiale).

"I prezzi sul mercato italiano, che fa riferimento alla Borsa di Bologna, la scorsa settimana si sono stabilizzati ma su livelli altissimi. - spiega Forbicini - e a fine giugno si attendono le nuove produzioni. Il prezzo del grano tenero comunque, viene influenzato dalla Borsa di Chicago (ai massimi degli ultimi 5 anni) e da quella di Parigi - precisa l'esperto - mentre il prezzo del grano duro non ha quotazioni future e dunque non è soggetto a speculazioni".

Per aver il quadro della situazione "bisognerà vedere l'entità dei raccolti mondiali la prossima estate: se ci saranno raccolti buoni probabilmente la situazione si potrà stabilizzare ma in mancanza di produzione ucraina e anche russa, a causa degli embarghi su molti mercati, tenderà a far rimanere i prezzi alti" spiega il dirigente di questa realtà importante nel panorama nazionale che aggrega numerosi consorzi e si occupa della vendita ai trasformatori dei cereali.

"Il prodotto ucraino e russo va molto verso i mercati africani e asiatici più che sul mercato nazionale - aggiunge Forbicini - e quindi i paesi del Nord Africa che sono forti importatori di grano ucraino, in primis l'Egitto, e il Centro Africa, subiscono di più gli effetti anche per le condizioni di maggiore difficoltà di questi paesi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli