Ue: Cisl, salario minimo per legge indebolirebbe ruolo contratti

(ASCA) - Roma, 10 gen - ''La discussione sul Salario Minimo per Legge a livello Europeo quale strumento necessario per tutelare meglio i redditi dei lavoratori , contrastare le diseguaglianze ed introdurre maggiori elementi di equita' dovrebbe uscire dal solito schema polemico o di contrapposizione e guardare invece al merito ed ai contenuti delle scelte proposte e indicate''. Lo dichiara in una nota il Segretario Confederale Cisl, Luigi Sbarra . ''L' Italia e' uno dei pochi paesi europei a non avere un salario minimo di legge. Ma lo e' a ragione - spiega Sbarra -, in virtu' di una forte copertura contrattuale esercitata attraverso i contratti nazionali di categoria , circa 500 , che coprono praticamente tutti i settori del lavoro presenti nel paese. Anche se non esiste un erga omnes di legge di fatto i CCNL vengono applicati a tutti i lavoratori. Il nostro sistema di minimi salariali definito dai contratti nazionali di lavoro si colloca ad un livello piu' elevato di retribuzione e di maggiore tutele del potere di acquisto dei redditi dei lavoratori , rispetto alla media dei minimi salariali definiti per legge nei paesi europei''. ''Del resto - aggiunge - la stessa magistratura del lavoro, a fronte di contenziosi, ha sempre individuato nei salari stabiliti dai CCNL il valore di riferimento di diritto per i lavoratori. In Italia, infatti, oggi un salario minimo di legge sarebbe in contrapposizione al ruolo del contratto e ne rappresenterebbe un rischio di indebolimento. Il vero problema e' assumere la difesa non solo del salario attraverso la contrattazione, ma, soprattutto, del reddito. E da questo punto di vista e' essenziale una revisione profonda del nostro sistema fiscale per alleggerire il prelievo sui lavoratori ''.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.935,34 +1,49% 22 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.199,69 +1,39% 22 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.681,76 0,85% 22 apr 17:35 CEST
Dax 9.600,09 +2,02% 22 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.514,37 0,40% 22 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09% 08:00 CEST