Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.249,53
    -493,29 (-1,42%)
     
  • Nasdaq

    13.366,11
    -35,74 (-0,27%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2173
    +0,0038 (+0,32%)
     
  • BTC-EUR

    46.199,60
    -1.930,07 (-4,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.502,57
    +1.259,89 (+519,16%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.149,24
    -39,19 (-0,94%)
     

Ue contro Astrazeneca: azione legale? Ancora no, Germania frena

Angela Mauro
·Special correspondent on European affairs and political editor
·1 minuto per la lettura
(Photo: AMIR MAKAR via Getty Images)
(Photo: AMIR MAKAR via Getty Images)

L’Unione Europea è pronta per portare in tribunale AstraZeneca. Anzi no: non ancora. A Bruxelles le voci si rincorrono sulla possibilità che la Commissione Europea, su input degli Stati membri, avvii un’azione legale contro l’azienda anglo-svedese per le mancate forniture di vaccini al vecchio continente. L’opzione è sul tavolo, preparata dalla Commissione appunto, ma l’ora ‘x’ non è ancora scattata, si apprende da fonti europee, benché la materia sia stata trattata ieri nella riunione degli ambasciatori dei paesi dell’Ue (Coreper), benché quasi due terzi dei paesi membri siano ormai sul piede di guerra per far valere i diritti dell’Unione, ‘frodata’ da Astrazeneca che nei primi tre mesi del 2021 ha consegnato solo 30 milioni di fiale a fronte delle 120 milioni pattuite. Il ministro della sanità irlandese, Stephen Donnelly, per dire, dà l’azione legale per “avviata”. Ma “al momento non abbiamo deciso”, continuano a insistere fonti della Commissione interpellate da Huffpost. Devono mettersi d’accordo gli Stati: se l’Irlanda e altri insistono, come hanno fatto ieri in Coreper, la Germania frena, la Francia pure inizialmente, ma poi - apprende Huffpost nel tardo pomeriggio - insiseme all’Italia si convince dell’opportunità di andare in tribunale. Domani nuova riunione degli ambasciatori.

E dunque, tornando alle fonti di Bruxelles, quando scatterà l’ora ‘x’? Molto semplice, lasciano intendere dalla Commissione Europea: quando l’Ue non dipenderà più da Astrazeneca per la fornitura del siero. Quando, cioè, si sarà concretizzata l’alternativa Pfizer. Non manca molto, ma ancora non ci siamo e, anche per questo motivo, Mario Draghi era inizialmente scettico sull’azione legale, ancor più scettici Angela Merkel ed E...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.