Italia markets close in 8 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    26.748,21
    +250,14 (+0,94%)
     
  • Dow Jones

    35.227,03
    +646,95 (+1,87%)
     
  • Nasdaq

    15.225,15
    +139,68 (+0,93%)
     
  • Nikkei 225

    28.455,60
    +528,23 (+1,89%)
     
  • Petrolio

    70,76
    +1,27 (+1,83%)
     
  • BTC-EUR

    45.237,76
    +1.692,45 (+3,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.318,84
    +58,68 (+4,66%)
     
  • Oro

    1.781,70
    +2,20 (+0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,1291
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • S&P 500

    4.591,67
    +53,24 (+1,17%)
     
  • HANG SENG

    23.981,99
    +632,61 (+2,71%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.192,80
    +55,69 (+1,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8501
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0434
    -0,0007 (-0,07%)
     
  • EUR/CAD

    1,4353
    -0,0040 (-0,28%)
     

Ue, nel 2020 elettricità da fonti innovabili 38% supera fossili 37%

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 26 ott. (askanews) - Nel 2020, per la prima volta le energie rinnovabili hanno superato i combustibili fossili come prima fonte utilizzata per la generazione di energia elettrica nell'Ue. E' uno dei dati che emergono dal "Rapporto sullo stato dell'Unione dell'energia per il 2021", pubblicato oggi dalla Commissione europea. Il rapporto fa il punto sui progressi che l'Ue sta compiendo nel realizzare la transizione verso l'energia pulita, quasi due anni dopo il lancio del Green Deal europeo.

"Sebbene vi siano una serie di tendenze incoraggianti, saranno necessari maggiori sforzi per raggiungere l'obiettivo del 2030 di ridurre le emissioni nette di almeno il 55% e raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, e i dati dovranno essere analizzati attentamente il prossimo anno per le tendenze post-Covid di più lungo periodo", osserva la Commissione in una nota.

Le energie rinnovabili, nota il rapporto, hanno generato nel 2020 il 38% dell'elettricità dell'Ue rispetto, rispetto al 37% prodotto con l'uso dei combustibili fossili. L'obiettivo del 2030 è di arrivare al 65% di elettricità generata dalle rinnovabili. Ad oggi, nove Stati membri hanno già completato l'eliminazione graduale del carbone, mentre 13 si sono impegnati a farlo entro una data determinata e altri quattro stanno valutando possibili scadenze.

Nel 2020, rispetto al 2019, le emissioni di gas serra dell'Ue a sono diminuite di quasi il 10%, un calo senza precedenti delle emissioni dovuto alla pandemia di Covid-19, che ha portato la riduzione complessiva delle emissioni al 31%, rispetto ai livelli di riferimento del 1990.

Il consumo di energia primaria è diminuito dell'1,9% e il consumo di energia finale dello 0,6% lo scorso anno. Tuttavia, sottolinea la Commissione, entrambe le cifre sono al di sopra della traiettoria necessaria per raggiungere gli obiettivi dell'Ue per il 2020 e per il 2030, e gli sforzi degli Stati membri devono continuare per migliorare l'efficienza energetica.

Quest'ultimo punto, curiosamente, contraddice le conclusioni di un rapporto pubblicato oggi stesso dall'Agenzia europea dell'Ambiente (Aea), secondo cui invece gli obiettivi di efficienza energetica per il 2020 sarebbero stati raggiunti proprio l'anno scorso, grazie ai lockdown sanitari. Tuttavia, anche le conclusioni l'Aea conclude che è necessario accelerare l'aumento dell'efficienza energetica per raggiungere gli obiettivi del 2030.

Nel 2020, infine, i sussidi ai combustibili fossili sono leggermente diminuiti, a causa del minor consumo energetico complessivo, mentre sono aumentate le sovvenzioni per le energie rinnovabili e per l'efficienza energetica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli