Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    19.919,22
    -14,37 (-0,07%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8599
    +0,0021 (+0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0109
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CAD

    1,3604
    -0,0070 (-0,51%)
     

Ue sempre più divisa su Ucraina, Italia e Ungheria chiedono tregua

Le bandiere dell'Unione europea a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - Italia e Ungheria hanno esortato la Ue a chiedere esplicitamente un cessate-il-fuoco in Ucraina e colloqui di pace con la Russia, entrando in contrasto con altri Stati membri determinati a mantenere una linea dura con Mosca in vista del vertice della prossima settimana.

La bozza della dichiarazione conclusiva del vertice previsto il 30 e 31 maggio, vista da Reuters e datata 19 maggio, descrive l'Unione europea come "inamovibile nel suo impegno ad aiutare l'Ucraina ad esercitare il suo diritto intrinseco all'autodifesa contro l'aggressione russa", mentre non menziona i colloqui di pace.

In una riunione dei diplomatici Ue di venerdì scorso, l'ambasciatore italiano ha proposto modifiche al testo affermando che dovrebbe fare riferimento ai colloqui di pace e definire un cessate-il-fuoco immediato come uno dei primi obiettivi della Ue, secondo alcune fonti che hanno partecipato all'incontro.

Tale proposta è stata sostenuta da Ungheria e Cipro, che sono tra gli Stati più critici nei confronti di un nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia, bloccato da settimane a causa delle divisioni interne.

L'Ungheria si oppone all'embargo petrolifero in programma, mentre Cipro nutre preoccupazioni per la proposta di divieto di vendita di proprietà ai cittadini russi.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, in un discorso al forum di Davos di ieri, ha preso una posizione più severa sulla Russia e non ha menzionato i colloqui di pace.

"L'Ucraina deve vincere contro questa guerra e l'aggressione di Putin deve essere un fallimento strategico", ha detto riferendosi al presidente russo.

L'ultima bozza delle conclusioni del vertice afferma che la Ue "rimane impegnata a rafforzare la capacità dell'Ucraina di difendere la propria sovranità e integrità territoriale".

I Paesi baltici e la Polonia sono tra i più forti sostenitori di una linea dura e la Lettonia ha sollecitato una formulazione ancora più esplicita per un maggiore sostegno militare, hanno detto i diplomatici.

Una bozza rivista è prevista in giornata dopo una riunione degli inviati europei, ha riferito un diplomatico.

L'Italia la scorsa settimana ha proposto un piano di pace che coinvolgerebbe Nazioni Unite, Ue e Osce per assistere nell'organizzazione di cessate-il-fuoco localizzati.

(Francesco Guarascio, tradotto da Alice Schillaci, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli