Italia markets open in 8 hours 33 minutes
  • Dow Jones

    31.535,51
    +603,14 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    13.588,83
    +396,48 (+3,01%)
     
  • Nikkei 225

    29.663,50
    +697,49 (+2,41%)
     
  • EUR/USD

    1,2057
    -0,0031 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    41.195,07
    +3.327,36 (+8,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,63
    +54,40 (+5,86%)
     
  • HANG SENG

    29.452,57
    +472,36 (+1,63%)
     
  • S&P 500

    3.901,82
    +90,67 (+2,38%)
     

Ue taglia stima crollo Pil Italia 2020 a -8,8% ma anche 2021 +3,4%

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 feb. (askanews) - La Commissione europea ha rivisto in meglio la previsione sul crollo del Pil dell'Italia dovuto alla crisi pandemica, attenuando di oltre un intero punto la stima sul 2020 al meno 8,8%. Al tempo stesso ha però smorzato la previsione di recupero del 2021 al più 3,4%, mentre è migliorata l'attesa sul 2022 al più 3,5%.

I dati sono contenuti nelle previsioni economiche invernali dell'esecutivo comunitario, che forniscono un aggiornamento solo parziale, privo di indicazioni sui conti pubblici. Nelle stime dello scorso 5 novembre Bruxelles aveva già tagliato di quasi un punto la previsione sul crollo del Pil 2020, al meno 9,9&, attenuando quella sul 2021 al più 4,1 e indicando sul 2022 un più 2,8%.

I dati Ue sul 2020 sono meno gravi di quelli del Fmi, che o scorso 26 gennaio aveva attenuato la stima sul crollo 2020 al meno 9,2%, ma anche tagliato in modo più consistente l'attesa sul recupero 2021 al più 3%. Le ultime previsioni del governo, che tuttavia sono piuttosto datate, risalgono a ottobre con la Nota di aggiornamento al Def, pronosticavano un meno 9% del Pil 2020 e un più 6% nel 2021.