Italia Markets open in 5 hrs 11 mins

##Ue taglia stime Pil Italia: "Fatica a uscire dalla stagnazione" -3-

Voz/Loc

Roma, 7 nov. (askanews) - Si tratta di sviluppi potenzialmente problematici per le valutazioni che arriveranno sulla manovra di Bilancio. Sul deficit nominale, infine, dal 2,2 per cento atteso sul 2019 è poi stimato al 2,3 per cento del Pil nel 2020 e al 2,7 per cento nel 2021.

"Il deficit pubblico e il debito - nota l'Esecutivo comunitario - aumenteranno nei prossimi anni, a seguito della debole crescita economica e dell'aumento dei costi delle misure decise in passato"; ovvero, come si specifica più avanti, l'introduzione del Reddito di cittadinanza ("minimum income scheme"), "e di diverse misure che allargano le possibilità di ricorrere a pensionamenti anticipati" (Quota 100 e le facilitazioni dei ricongiungimenti contributivi).