Italia markets close in 19 minutes
  • FTSE MIB

    24.172,89
    +84,24 (+0,35%)
     
  • Dow Jones

    34.020,29
    +198,99 (+0,59%)
     
  • Nasdaq

    13.826,53
    +40,26 (+0,29%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    62,17
    -0,50 (-0,80%)
     
  • BTC-EUR

    46.722,60
    -404,22 (-0,86%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.291,99
    +29,03 (+2,30%)
     
  • Oro

    1.790,40
    +12,00 (+0,67%)
     
  • EUR/USD

    1,2034
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • S&P 500

    4.152,05
    +17,11 (+0,41%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.977,04
    +36,58 (+0,93%)
     
  • EUR/GBP

    0,8635
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CHF

    1,1034
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4992
    -0,0178 (-1,18%)
     

Uilt: Alitalia al collasso, governo agisca subito per salvarla

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 mar. (askanews) - La situazione di Alitalia è "disastrosa". Lo hanno affermato il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, e il segretario nazionale Ivan Viglietti al termine dell'incontro con i commissari straordinari della compagnia aerea dopo la manifestazione al ministero dello sviluppo per il mancato pagamento degli stipendi. "Siamo al collasso - hanno sottolineato i sindacalisti - il governo intervenga subito. I commissari hanno confermato che, nonostante le rassicurazioni date ieri, non sono ancora pervenuti i fondi ristori nella disponibilità concreta dell'azienda".

I commissari "provvederanno a erogare il 50% delle retribuzioni ricorrendo alle ultime risorse disponibili. Per il restante 50% si attendono sviluppi nelle prossime ore. Siamo davvero molto preoccupati, lanciamo un grido di allarme sulla oramai insostenibilità di Alitalia in amministrazione straordinaria".

È una situazione "di soffocamento messa in campo scientemente dall'Unione Europea, in particolare dalla Dg Concorrenza, che si è schierata non solo per impedire la ripartenza di Ita ma anche, forse, per causare il fallimento della liquidazione di Alitalia. Noi denunciamo questo atteggiamento totalmente ostile e chiediamo al governo di reagire immediatamente".

I ministri Giorgetti, Franco e Giovannini "insieme al presidente Draghi devono rigettare radicalmente questo tentativo dell'Europa di depredare il mercato italiano a danno delle imprese nazionali. E deve procedere subito con la partenza della nuova Alitalia Ita, che deve partire con aviation maintenance e handling ceduti a trattativa privata, e con un piano industriale robusto e coraggioso di investimenti in flotta almeno doppi rispetto a quello del piano industriale".

"Se non si procede in questo modo - hanno aggiunto Tarlazzi e Viglietti - andremo in tempi rapidissimi alla perdita di tutto il patrimonio di Alitalia e regalaremo il mercato ai concorrenti internazionali. Noi non siamo d'accordo e ci opporremo con tutte le iniziative possibili, così come non sono d'accordo i lavoratori di Alitalia e i cittadini italiani che hanno a cuore l'interesse del paese".