Italia markets open in 8 hours 35 minutes
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,72 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,83 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,17 (+1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1310
    +0,0004 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    43.561,57
    -210,28 (-0,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,21 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     

Uiv: bene lavoro tavolo caso Prosek, tutto il paese fa squadra

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 nov. (askanews) - Bene il lavoro del tavolo di lavoro sul caso Prosek, dove "tutti i soggetti istituzionali coinvolti sono riusciti a far squadra, a lavorare come sistema Paese. Segnale che l'immagine del vino come settore frammentato e diviso, figlio di 100 campanili e oltre 500 denominazioni, non corrisponde alla realtà e appartiene a una narrativa che fa comodo a chi vuole il comparto debole". Così in una nota Uiv, Unione italiana vini, al termine della riunone del tavolo riunito dal Mipaaf per elaborare l'opposizione italiana alla menzione geografica tradizionale europea per il Prosek croato. Da parte sua, Uiv è impegnata, come concordato con il Mipaaf, a manifestare direttamente questa contrarietà al commissario all'Agricoltura Wojciechowski, anche coinvolgendo i propri partner internazionali, in primo luogo il Comité Vins che rappresenta le imprese vitivinicole europee.

Sulla vicenda Prosek, Uiv, che con i suoi associati rappresenta circa il 75% della produzione e imbottigliamento di Prosecco, sottolinea nuovamente anche "l'approccio 'bicefalo' assunto dalla Commissione nel suo compito di difensore del sistema delle indicazioni geografiche che essa stessa ha contribuito a creare. Da un lato, infatti, Bruxelles conduce un importante lavoro a livello internazionale per proteggere le denominazioni di origine europee negli accordi con i Paesi terzi, dall'altro, vorrebbe consentire il riconoscimento di una menzione omonima che evoca la denominazione Prosecco proprio in ambito comunitario. Con il risultato di indebolire la protezione e la reputazione di una delle Dop di maggiore successo", che da sola rappresenta un terzo delle importazioni mondiali di vino spumante e oltre l'80% degli sparkling imbottigliati in Italia (525 milioni di bottiglie).

Secondo Uiv, infatti, un eventuale riconoscimento del vino croato con menzione tradizionale omonima non rappresenterebbe solo un inganno ai consumatori, ma avrà anche l'effetto di diluire e sfruttare la reputazione e il riconoscimento creati negli anni da un'indicazione geografica anche attraverso ingenti investimenti, compresi quelli effettuati per proteggere il nome dalle violazioni, sia in ambito comunitario che nei Paesi terzi".

Un lavoro, quello del Prosecco, che ha determinato un effetto traino nell'export del made in Italy enologico con una crescita delle vendite degli spumanti tricolori del 400% negli ultimi 20 anni. L'Osservatorio del vino Uiv registra inoltre un'impennata dell'export nei primi 7 mesi di quest'anno, con il Prosecco che è cresciuto a valore del 32% per un corrispettivo vicino ai 700 milioni di euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli