Italia markets close in 6 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    25.060,79
    -235,61 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    35.144,31
    +82,76 (+0,24%)
     
  • Nasdaq

    14.840,71
    +3,72 (+0,03%)
     
  • Nikkei 225

    27.970,22
    +136,93 (+0,49%)
     
  • Petrolio

    71,82
    -0,09 (-0,13%)
     
  • BTC-EUR

    31.754,82
    -862,87 (-2,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,35
    -30,13 (-3,29%)
     
  • Oro

    1.795,20
    -4,00 (-0,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1779
    -0,0029 (-0,25%)
     
  • S&P 500

    4.422,30
    +10,51 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    25.086,43
    -1.105,89 (-4,22%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.072,78
    -29,81 (-0,73%)
     
  • EUR/GBP

    0,8543
    +0,0005 (+0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0804
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4823
    +0,0016 (+0,11%)
     

Un bollino di qualità per le auto dismesse

·2 minuto per la lettura
(Photo: Huber & Starke via Getty Images)
(Photo: Huber & Starke via Getty Images)

Basta un alito di vento per rendere dannoso un sacchetto di plastica non compostabile: un momento di distrazione e finisce in un campo o in mare. Goal all’ambiente imparabile. E infatti l’Unione europea ha vietato dallo scorso 3 luglio una serie di oggetti ultraleggeri in plastica usa e getta. Ma che succede passando all’estremo opposto della categoria rifiuti, saltando dai grammi alle tonnellate? Che succede a un’automobile quando nessuno si fida più di guidarla?

Viste le dimensioni e il livello di controllo (numero di targa, numero di telaio) si dovrebbe immaginare un rifiuto super vigilato: si dovrebbe sfiorare la totalità di materia incanalata verso l’economia circolare. Ma le inchieste dei magistrati che seguono la pista delle ecomafie e i numeri dell’Ispra mostrano una zona d’ombra preoccupante. “Il recupero totale si attesta all’84,2%; appare quindi decisamente lontano il raggiungimento dell’obiettivo fissato dalla norma al 95%”, scrive l’Ispra nel Rapporto rifiuti speciali 2021.

Quindi quasi un’auto su sei sfugge ai radar. Non è poco calcolando che parliamo di più un milione e mezzo di tonnellate all’anno. Per ridurre quest’area grigia oggi il Cobat, una società che da 30 anni si occupa di recupero di componenti delle auto, ha lanciato una piattaforma online, gratuita e aperta a tutti gli operatori per monitorare in tempo reale il fine vita delle auto. Si chiama Percorso Cobat ed è un software certificato Certiquality che permette a case automobilistiche e autodemolitori di garantire trasparenza, tracciabilità e sicurezza del dato nella gestione dei veicoli a fine vita. In pratica si possono consultare report, statistiche e schede automezzi, nonché avere accesso al magazzino sia del singolo automezzo che dell’intera lista ricambi.

“Tutte le case automobilistiche, con l’eccezione di qualche marchio...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli