Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.766,09
    +280,08 (+1,14%)
     
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,68 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,99 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,46 (+2,32%)
     
  • Petrolio

    65,51
    +1,69 (+2,65%)
     
  • BTC-EUR

    40.420,64
    +24,30 (+0,06%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • Oro

    1.844,00
    +20,00 (+1,10%)
     
  • EUR/USD

    1,2146
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,90 (+1,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.017,44
    +64,99 (+1,64%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0014 (+0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0943
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,4697
    +0,0005 (+0,04%)
     

Un obiettivo “net zero” fa bene al clima e agli investitori

Mariano Mangia
·3 minuto per la lettura
Un obiettivo “net zero” fa bene al clima e agli investitori
Un obiettivo “net zero” fa bene al clima e agli investitori

Un piano d’azione per il clima credibile e sostenibile, spiegano in AllianceBernstein, è anche un’indicazione di una buona gestione aziendale e un segnale positivo sia per gli azionisti che per i clienti

Le aziende di tutto il mondo sono impegnate nella riduzione delle emissioni di carbonio, ma cosa in concreto devono fare per riuscire a realizzare gli obiettivi dichiarati, spesso ambiziosi? AllianceBernstein guarda al caso di FedEx, la più grande compagnia di trasporto espresso al mondo, che si è impegnata ad azzerare le emissioni nette nell’ambito delle proprie operazioni entro il 2040. Acquistare compensazioni di carbonio può essere un approccio legittimo per ridurre o annullare le proprie emissioni di carbonio in una prima fase, osservano in AllianceBernstein, ma c’è una differenza sostanziale tra le imprese che procedono verso l’azzeramento delle emissioni mediante l’acquisto di compensazioni e quelle che assumono un impegno concreto a ridurre la propria impronta di carbonio. Come primo passo verso l’obiettivo di lungo periodo, FedEx sta effettuando un investimento iniziale di due miliardi di dollari in tre aree chiave: elettrificazione dei veicoli, energia sostenibile e sequestro del carbonio.

È IMPORTANTE INDIVIDUARE LE FONTI DI EMISSIONI DI GAS SERRA

Le fonti di emissioni variano in funzione dell’attività. Un’impresa tecnologica, ad esempio, può avere emissioni Scope 1 (emissioni dirette prodotte durante il processo di produzione) minime, ma potrebbe impiegare enormi quantità di elettricità generata da combustibili fossili e quindi produrre un elevato volume di emissioni Scope 2. Un’azienda di servizi alle imprese, al contrario, potrebbe avere ridotte emissioni Scope 1 e Scope 2, ma fare ampio ricorso alle trasferte e ai viaggi di lavoro, che rientrano nell’ambito delle emissioni Scope 3. I fornitori di logistica rappresentano una fonte cruciale di emissioni Scope 3 per molte imprese. FedEx ha preso atto di questo problema, impegnandosi a lavorare con i clienti per offrire soluzioni sostenibili end-to-end per le loro filiere produttive, tramite offerte di trasporto “carbon neutral” e imballaggi ecocompatibili.

UN OBIETTIVO “NET ZERO” SI RIPERCUOTE POSITIVAMENTE ANCHE SUI PROFITTI?

Secondo gli esperti di AllianceBernstein, un’efficace gestione delle emissioni indica che il management è focalizzato sull’efficienza delle operazioni, il che potrebbe tradursi in una riduzione dei costi operativi: dal 2012, ad esempio, due diversi programmi hanno consentito a FedEx di risparmiare 1,4 miliardi di galloni di carburante avio. Un obiettivo “net zero” potrebbe poi determinare anche un aumento dei ricavi marginali: conoscendo l’offerta di spedizioni carbon neutral e le soluzioni di imballaggio sostenibili di FedEx, i clienti attenti al clima potrebbero preferirla rispetto alla concorrenza. Ultima considerazione, una solida strategia basata su un obiettivo “net zero” denota una buona governance e un pensiero strategico lungimirante.

IL PERCORSO VERSO L’OBIETTIVO “NET ZERO” È DESTINATO A MUTARE

Fissare obiettivi che vanno oltre il 2030, come ha fatto FedEx, può sembrare prematuro, ma, come in AllianceBernstein, le imprese devono iniziare ad agire da subito, perché la vita utile degli asset che contribuiscono alle emissioni di carbonio spesso si estende su un arco temporale di molti anni. Per azzerare le emissioni nette, poi, servono tecnologie che oggi non esistono: fissando obiettivi climatici ambiziosi, le imprese accettano di fatto di investire in queste nuove tecnologie. In ogni settore, è la conclusione degli esperti di AllianceBernstein, gli investitori devono comprendere i vantaggi specifici di un piano di decarbonizzazione, come pure i rischi associati all’inazione. L’ambizioso piano di FedEx può fornire agli investitori indicazioni utili per identificare le aziende che hanno programmi solidi per migliorare i loro business combattendo il cambiamento climatico.