Italia markets open in 5 hours 50 minutes
  • Dow Jones

    31.253,13
    -236,94 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    11.388,50
    -29,66 (-0,26%)
     
  • Nikkei 225

    26.535,24
    +132,40 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,0579
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    28.509,52
    +936,83 (+3,40%)
     
  • CMC Crypto 200

    670,68
    +18,45 (+2,83%)
     
  • HANG SENG

    20.120,68
    -523,60 (-2,54%)
     
  • S&P 500

    3.900,79
    -22,89 (-0,58%)
     

Una professionista in camice bianco già dirigente medico dell’ospedale Macedonio Melloni

·2 minuto per la lettura
Chiara Picchi
Chiara Picchi

Chiara Picchi, un camice bianco che si era fatto valere già molto, ecco chi era la 39enne dottoressa morta in un incidente stradale a Binasco nella serata di giovedì 20 gennaio: una professionista in camice bianco già dirigente dell’ospedale Macedonio Melloni che aveva coltivato il suo sogno di diventare medico fin da prima del 2007, quando lo aveva coronato.

Chi era Chiara Picchi: la laurea e la lunga gavetta da internista fino alla dirigenza

In quell’anno Chiara, originaria di Ivrea, vicino Torino e poi trasferitasi a Pavia, si era laureata in Medicina. Aveva fatto una lunga e laboriosa carriera da internista, anche nei reparti oncologici ed era diventata dirigente medico di primo livello all’ospedale Macedonio Melloni dell’Asst Fatebenefratelli-Sacco.

Chiara Picchi, chi era il camice bianco falciato da un’auto sulla Milano-Genova

La sua carriera è stata stroncata lungo l’autostrada A7 Milano-Genova in territorio di Binasco, quando un’auto ha centrato lei ed un uomo con cui aveva appena avuto un primo incidente, falciando entrambi ed uccidendo la 39enne. Chiara era stata soccorsa con immediatezza e portata di gran carriera al San Matteo di Pavia. Lì i suoi colleghi avevano provato di tutto per farle ripartire il cuore, ormai in arresto da diversi minuti, ma invano.

Una donna “sempre sorridente ed allegra”: ecco chi era Chiara Picchi, sulla cui morte indaga la Polizia Stradale

Quello che gli amici di Chiara ricordano con maggior nitidezza è il fatto che lei fosse “sempre sorridente ed allegra”. La Polizia stradale sta ancora lavorando sull’esatta dinamica dell’incidente. Il dato accertato è che Chiara ed un 41enne erano fermi sulla carreggiata dopo un incidente e la dottoressa aveva appena indossato il gilet catarifrangente quando l’auto guidata da un 47enne aveva centrato entrambi: l’uomo è in condizioni gravi al Policlinico e Chiara purtroppo non ce l’ha fatta.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli