Italia markets open in 3 hours 43 minutes
  • Dow Jones

    31.880,24
    +618,34 (+1,98%)
     
  • Nasdaq

    11.535,27
    +180,66 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    26.863,33
    -138,19 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,0673
    -0,0023 (-0,21%)
     
  • BTC-EUR

    27.424,92
    -1.042,36 (-3,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    655,96
    -18,92 (-2,80%)
     
  • HANG SENG

    20.177,66
    -292,40 (-1,43%)
     
  • S&P 500

    3.973,75
    +72,39 (+1,86%)
     

In una settimana 32 mila contagi nelle case di riposo, è record per gli Usa

·1 minuto per la lettura

AGI - I contagi stanno aumentando di nuovo nelle case di cura statunitensi a causa dell'onda Omicron, arrivando alla cifra record di 32 mila nella scorsa settimana, e portando a nuove restrizioni sulle visite dei familiari e a un maggior pressing per le vaccinazioni.

Le case di cura erano state l'epicentro mortale della pandemia all'inizio della pandemia poi l'avvio della campagna di vaccinazione massiccia ha permesso a molte strutture di riaprire i visitatori. Ma ora la variante estremamente contagiosa sta dando loro una battuta d'arresto.

Secondo i dati ufficiali di CDC, Le case di cura hanno riportato un numero quasi-record di circa 32.000 casi di Covid-19 tra i residenti nella settimana terminata il 9 gennaio, un aumento di sette volte rispetto al mese precedente. Sempre nella stessa settimana, è stato registrato un totale di 645 decessi legati al COVID-19 tra i residenti, in aumento del 47% rispetto al periodo precedente. E si teme che i decessi possano aumentare molto di più prima della fine del picco.

Nonostante i numeri in aumento, la situazione non è così terribile come nel dicembre 2020, quando i decessi settimanali nelle case di cura raggiunsero circa 6.200. Gli esperti attribuiscono i tassi di vaccinazione attualmente elevati tra i residenti delle case di cura: sempre secondo i dati del CDC; circa l'87% è completamente immunizzato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli