Italia markets open in 2 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    +132,77 (+0,99%)
     
  • Nikkei 225

    30.101,01
    +429,31 (+1,45%)
     
  • EUR/USD

    1,2185
    +0,0016 (+0,13%)
     
  • BTC-EUR

    40.862,68
    -1.159,68 (-2,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    993,81
    -0,87 (-0,09%)
     
  • HANG SENG

    30.302,59
    +584,35 (+1,97%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     

Una valuta che sale di valore cambierà tutto

Francesco Simoncelli
·7 minuto per la lettura

Nei primi anni del boom di Bitcoin partecipai ad una conferenza davvero esilarante di quelli che potremmo definire i nuovi ricchi nell'era del digitale. L'anno era il 2014, credo, la città era Miami e Bitcoin aveva appena raggiunto i $1000. A quei tempi, l'etica dei primi investitori era quella di spendere a più non posso.

Dopotutto, questo buffo gettone spendibile sembrava crescere sugli alberi. Tutto d'un tratto il vostro computer sta macinando denaro magico che nessuno usava e la prossima cosa che vi sareste ritrovati per le mani sarebbero stati $100.000. Non avreste fatto nulla per "guadagnarli", oltre ad offrire volontariamente un po' di potenza di elaborazione. Perché non viverci?

Regnava una strana psicologia a quei tempi. Che questo minuscolo protocollo funzionasse sfidava ogni credenza, eppure era reale. Quindi bisognava provarlo per capire quanto fosse reale!

A quella conferenza, sì, lo standard di vita era alto. Ferrari e Maserati riempivano le strade di Miami e le persone effettuavano scambi usando i wallet digitali sui loro smartphone. Il liquore scorreva come non mai, così come la musica, le luci, l'opulenza. Per non parlare delle uscite in barca a vela con infinite quantità di cibo, divertimento e musica dal vivo.

Quelli erano i bei tempi!

Poco dopo Bitcoin sarebbe crollato di prezzo: da $1000 scese a $335. C'era tristezza tutto, tutta quella celebrazione sarebbe svanita in uno schiocco di dita. I nuovi ricchi non solo non erano più ricchi, ma erano bloccati con auto, barche e case che non potevano permettersi. Che fine aveva fatto il grande slogan "to the moon?" A quei tempi sembrava che il denaro magico di Internet si stesse trasformando in polvere.

L'intera faccenda era ridicola. Ho visto Bitcoin passare da $0 a $14 prima di scrivere il mio primo articolo al riguardo, e presto salì a $30. La gente urlava che si trattava di una bolla che stava per esplodere, cosa che fece prima di raggiungere nuovamente nuovi massimi. Non avrei mai pensato di considerare $300 un prezzo basso. Anche $3 era una specie di miracolo, per quanto mi riguardava. Bitcoin era finalmente diventato la valuta digitale su cui sognavamo da 15 anni.

Non l'ho mai visto come un investimento tanto quanto una tecnologia. Il prezzo era secondario, ma comunque piuttosto... divertente! Era la fonte del fascino sul pubblico in generale, ovviamente.

Dopo tutti questi anni, possiamo vedere come gli enormi crolli del passato, e che all'epoca sembravano così spaventosi, siano solo piccoli segnali acustici, appena distinguibili nel modello di lungo periodo. Dopo i sudori freddi delle prime volte, passa tutto e poi si vive normalmente. Per tutti questi anni fino a poco tempo fa il modello è stato "3 passi avanti, 2 passi indietro", poi è cambiato quando abbiamo visto $20.000, poi $30.000 e poi $40.000. Bitcoin sta facendo passi da gigante per diventare una valuta di riserva mondiale alternativa, non presto ma forse alla fine.

Diamo un'occhiata a cosa questo potrebbe significare per le nostre vite. Bitcoin ha funzionato per 12 anni come asset deflazionistico, questo per dire che il valore dell'unità cresce sempre più in termini di beni e servizi. Questo è l'opposto di un asset inflazionistico come il dollaro USA, che vale circa 5 centesimi rispetto al suo valore pre-prima guerra mondiale, soprattutto a causa della cattiva gestione monetaria dove la Federal Reserve ha inondato i mercati di liquidità per pagare la spesa e il debito del governo e salvare i sistemi bancari quando sono finiti nei guai.

Se si possiede un asset inflazionistico, si ha un maggiore incentivo a spenderlo oggi piuttosto che a risparmiarlo, poiché ci si può ragionevolmente aspettare che l'unità monetaria diminuirà di valore nel tempo. È anche più probabile che possiate prendere in prestito e vivere al di sopra delle vostre possibilità, perché ripagate il prestito con denaro più economico di quello che avete ricevuto (ceteris paribus).

Come cambia questa psicologia se si possiede un asset monetario che cresce di valore nel tempo? Si ha un incentivo non solo a risparmiare, ma a ripensare seriamente a tutte le proprie abitudini di vita. Influenza scelte come acquistare o affittare, trovare un lavoro statale o correre un rischio nei mercati, se avere figli o meno. Tutto ciò dipende dalla propria valutazione del potere d'acquisto futuro, legato alla direzione del valore di un'unità monetaria.

E questo è quello che è successo alla comunità Bitcoin tre anni dopo quella folle conferenza, quando l'asset digitale ha recuperato il suo prezzo precedente espresso in termini di dollari. All'improvviso divenne evidente che questa cosa sarebbe rimasta e sarebbe cresciuta. Quelle persone che avevano speso i loro bitcoin, scambiandoli con dollari o beni e servizi, avrebbero provato un senso di rimpianto; così anche le molte persone che li avevano venduti dieci anni fa quando il valore raggiunse $1. La gente pensava che non avrebbe mai potuto diventare più forte della moneta cartacea più forte del mondo.

Con l'inesorabile ascesa di Bitcoin, e dopo la lunga marcia verso i $10.000, le persone con macchine e case stravaganti si sono chieste perché avessero fatto una cosa del genere. Se avessero aspettato qualche anno prima di buttare via i loro soldi magici, sarebbero stati dieci volte più ricchi. Ricco è buono, ancora più ricco è meglio. Hanno appreso una lezione di economia monetaria.

Questo è stato quando un nuovo ethos ha colpito improvvisamente la comunità: sono diventati estremamente frugali. Guarderebbero le loro cianfrusaglie e penserebbero a quanto potrebbero valere in termini di Bitcoin. Hanno ripensato alle vacanze, fanno acquisti nei negozi dell'usato, si trasferiscono in un quartiere più economico, acquistano un'auto usata, smettono di mangiare fuori, ecc.

Le aziende specializzate nelle tecnologie blockchain hanno iniziato a guardare con maggiore attenzione alle proprie spese, frenando la dissolutezza ove possibile. In altre parole, hanno iniziato a pensare al futuro, non a causa di un cambiamento nella virtù interiore, ma a causa della realizzazione molto pratica che un Bitcoin risparmiato è un Bitcoin guadagnato.

I ricchi nel mondo di Bitcoin hanno iniziato a vivere come i poveri nel mondo del dollaro.

Questo è il punto in cui essere ricchi nel mondo delle criptovalute ha fatto nascere una casta completamente diversa. Il cosiddetto movimento HODL è diventato di moda (è un deliberato errore di ortografia di HOLD che significa "conservare"). Piuttosto che migliorare i loro stili di vita, hanno iniziato a ricomporli, trasformando i dollari di riserva in criptovalute con un occhio al futuro.

E questo è andato avanti per tre lunghi anni durante i quali il prezzo in termini di dollari è balzato su e giù intorno ai $10.000 prima di scoppiare. Meno possiedi, più Bitcoin potrai possedere (anche se ormai nessuno se ne vanta).

Se la valuta di riserva della società è inflazionistica o deflazionistica può avere un impatto importante sulla cultura. Una valuta deflazionistica come Bitcoin premia il pensiero futuro, il differimento del consumo, il lavoro più duro e meno dissolutezza, e una svolta generale verso il risparmio e gli investimenti (si spera in qualcosa oltre a più Bitcoin). Aumentare lentamente il potere d'acquisto nel tempo premia i risparmiatori, i creditori e gli investitori rispetto a chi spende e ai debitori. È un bene per la prosperità.

Una valuta inflazionistica fa esattamente l'opposto, ricompensando un ethos "sbarcare il lunario". Una valuta deflazionistica spinge le persone a vivere in un modo che le generazioni precedenti avrebbero potuto definire responsabile.

Con l'eccezione di alcuni anni durante i tempi difficili della Grande Depressione, nessuno in vita ha sperimentato una valuta prevedibilmente deflazionistica o ha rivalutato le proprie vite alla luce di ciò che avrebbe potuto significare per esse.

A causa di così tanta inflazione nel dopoguerra, abbiamo dato per scontato che detenere solo dollari sia solitamente una cattiva idea. Alla fine del XIX secolo, invece, l'aspettativa di utilizzare una valuta di valore crescente era comune. Di conseguenza le persone erano davvero più frugali e questo ha contribuito a costruire prosperità, almeno fino a quando l'istituzione della Federal Reserve ha cambiato tutto in peggio.

Forse la proprietà e l'uso diffuso di Bitcoin e altre criptovalute possono dare un contributo culturale ed economico per convertirci da dissoluti a parsimoniosi, in un modo che i nostri bis-bisnonni avrebbero apprezzato. Dopotutto, sono stati loro e il gold standard che ci hanno messo sulla strada per costruire uno stile di vita moderno e prospero che invece la moneta cartacea inflazionistica ha fatto così tanto per distruggere.

Di Jeffrey Tucker

Traduzione di Francesco Simoncelli

Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online