Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.343,63
    -525,74 (-1,51%)
     
  • Nasdaq

    14.573,26
    -396,71 (-2,65%)
     
  • Nikkei 225

    30.183,96
    -56,10 (-0,19%)
     
  • EUR/USD

    1,1685
    -0,0016 (-0,14%)
     
  • BTC-EUR

    35.449,58
    -1.900,49 (-5,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.025,13
    -32,02 (-3,03%)
     
  • HANG SENG

    24.500,39
    +291,61 (+1,20%)
     
  • S&P 500

    4.355,27
    -87,84 (-1,98%)
     

Unaitalia: in primo semestre export carni bianche +4% a volume

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 set. (askanews) - Nel primo semestre 2021 il settore avicolo ha mostrato buoni segnali di ripresa sui mercati esteri, con esportazioni in aumento del 4% a volume rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. "Un dato che ci fa ben sperare, dopo un 2020 che aveva visto gli scambi commerciali frenati dall'emergenza Covid". Lo ha annunciato il presidente di Unaitalia, Antonio Forlini. Unaitalia parteciperà a FierAvicola 2021, la più importante fiera in Italia e in Europa per il settore avicolo, in programma all'Expo Centre di Rimini da martedì 7 a giovedì 9 settembre 2021. In fiera primo piano su un settore 100% made in Italy, che conta 64mila addetti (38.500 allevatori e 25.500 addetti alla trasformazione), 6.000 allevamenti professionali, e con un fatturato di 5,7 miliardi di euro nel 2020 (+3,8% sul 2019).

L'associazione che rappresenta oltre il 90% della produzione avicola nazionale sarà presente a FierAvicola al padiglione HALL B7-D7, stand 037 con la campagna europea Unaitalia-Eu Poultry e due iniziative: il convegno L'avicoltura del futuro fra sostenibilità e benessere animale e l'incontro Il futuro del mondo avicolo tra innovazione e convenienza.

Secondo i dati Unaitalia, nei primi sei mesi 2021, a fronte di una produzione di 511.228 tonnellate di pollo e 152.709 tonnellate di tacchino, le esportazioni di carni avicole e preparazioni risultano in aumento di circa il 4% a volume (95.000 tonnellate).

"FierAvicola rappresenta un importante momento di confronto con i buyer internazionali, soprattutto del mondo eurasiatico, e costruzione del futuro della filiera avicola verso gli obiettivi del Green Deal - ha detto Forlini - Un settore, quello avicolo, totalmente autosufficiente e fiore all'occhiello della zootecnia italiana".

Nonostante i risultati positivi registrati nel primo semestre dell'anno, permane però "una forte incertezza sul fronte della redditività, visto il rialzo vertiginoso dei prezzi delle materie prime, che non accenna ad arrestarsi. Un tema che dovremo affrontare anche con le istituzioni - spiega Forlini -nel corso della fiera, perché in un mondo che guarda al benessere animale e alla sostenibilità non possiamo dimenticare la sostenibilità sociale ed economica. È necessario lavorare su dei meccanismi che, a livello internazionale, consentano di proteggere i beni alimentari di prima necessità dalle speculazioni finanziarie: le materie prime dovrebbero godere di una sorta di franchigia".

Con il 35% delle quote di mercato a volume, le carni avicole rimangono le preferite e le più acquistate dagli italiani, seguite dalle carni bovine (33%) e dalle suine (21%). Il trend della spesa in aumento è confermato nel primo trimestre 2021: +1% sullo stesso periodo dell'anno precedente (dati Ismea). Merito della parziale conversione dei consumi fuori casa in consumi domestici, combinata al valore aggiunto dei prodotti. L'avicolo è infatti il settore zootecnico che più di tutti ha sviluppato la linea degli elaborati e dei confezionati, riuscendo nel 2020 quanto nel 2021 a dar maggior durabilità e flessibilità a una buona parte della produzione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli